Centinaia di critiche al post di Sala che non vuole lockdown Milano

Alp
·2 minuto per la lettura

Milano, 3 nov. (askanews) - Ha scatenato un'ondata di commenti negativi il post pubblicato nella serata di ieri dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala, sul suo profilo Facebook, con cui spiegava che "stiamo tutti lavorando per cercare di non mettere in atto un lockdown come quello di questa primavera". Nonostante il sindaco avesse scritto che "c'è molta pressione sugli ospedali e che le richieste di ricoveri sono molto alte" e che "la lettura della situazione sanitaria non è affatto semplice", centinaia di persone hanno lasciato messaggi durissimi per protestare contro la scelta di non prendere misure drastiche per affrontare la crescita esponenziale dell'epidemia a Milano. E nemmeno la precisazione "di aver relazionato ieri pomeriggio il Consiglio Comunale "che, in modo di fatto uniforme, ha approvato questa linea", ha salvato Sala dalla valanga di commenti dei milanesi, mai così tanto arrabbiati con il loro sindaco. "Ma si aspetta che la città diventi un cimitero per intervenire o gli interessi economici sono più forti?" ha scritto Anna Rita, a cui fa eco Giuseppe, spiegando "più tardi chiudi più a lungo starai chiuso, non si è imparato niente a febbraio? Eppure l'Ordine dei medici di Milano ha spiegato bene la situazione...". "Se la pressione sugli ospedali è molto alta, l'unico modo per allentarla è stare a casa. Prima ci stiamo, prima ne usciamo. Ammiro la sua capacità di mettersi in discussione; ora salvi Milano chiudendola. Altrimenti se #milanononsiferma, si trasforma in un 'lazzaretto a cielo aperto' (cit.)" ha aggiunto Rossana, mentre per Tiziana "ormai non c'è più differenza tra te e Fontana, che delusione". "Non ho capito se si sta aspettando di decimare la città o se è una strategia per tirare fino a Natale, in modo da giustificare il lockdown che impedirà a tutti di spostarsi per le festività" incalza Gigi, mentre Luca chiosa "Sindaco se non chiude e non mette in sicurezza i cittadini sarà sua responsabilità! Io ho sempre votato per lei ma questa volta mi ha molto deluso! I sanitari invocano la chiusura!". Una pioggia di messaggi indignati da parte di tantissimi cittadini preoccupati che contestano al proprio sindaco di non aver il coraggio di prendere decisioni drastiche e anche impopolari per il bene della loro città. Fuoco amico, dato che moltissimi premettono di essere stati elettori di Sala e di aver sempre avuto stima per il sindaco ma di non tollerare più "l'attuale vuoto decisionale".