Centinaia di persone alla camera ardente di Nadia Toffa a Brescia

HuffPost

Famigliari, amici, fan e gente comune. Centinaia di persone in modo ordinato e silenzioso si sono recate  alla camera ardente allestita presso il teatro Santa Chiara di Brescia per dare l’ultimo saluto a Nadia Toffa.

VIDEO - La commozione di Giulio Golia alla camera ardente

La salma è arrivata accompagnata dalla mamma della presentatrice delle Iene. “Brilla in alto dolce guerriera”, ha lasciato scritto un uomo sul registro delle firme mentre le figlie dell’uomo hanno aggiunto: “Sei una grande, Tvb”. Molto commosso Davide Parenti, l’autore e ideatore delle Iene. “Vi prego è un momento difficile. È come aver perso una figlia? Si, è molto dura”, si è limitato a dire.

VIDEO - La lunga coda per l’ultimo saluto a Nadia Toffa

Un viavai continuo, incessante. Accompagnato dalle lacrime di chi Nadia Toffa l’ha conosciuta e apprezzata attraverso la tv. “Era come una di famiglia. La guardavo e vedevo una di noi”, racconta una signora che con gli occhi lucidi lascia la camera ardente al Teatro Santa Chiara di Brescia. Anche oggi meta di tantissima gente comune che ha voluto salutare la presentatrice tv morta a 40 anni dopo una lunga battaglia con il tumore. Ornella, giovane partita dal Trentino, ha tatuato sul braccio sinistro l’autografo di Nadia Toffa. “L’avevo incontrata per strada anni fa le ho chiesto l’autografo e poi me lo sono tatuato. Avevo una grandissima stima di lei. È stata un esempio di forza e di combattività. Ho apprezzato molto la sua scelta di raccontare la malattia. Di mettersi a nudo. Mancherà a questa Terra”, ha detto.

VIDEO - I messaggi degli amici: “Niente sarà più come prima”

 


Sulla bara candida, esposta sul palco del piccolo teatro in centro città, qualcuno ha lasciato una maglia bianca con il logo delle Iene e una scritta a pennarello: “Nadia sarai sempre nei nostri cuori”. Ai lati del feretro la mamma, il papà, le sorelle e lo storico ex fidanzato Emanuele. “Ci sta guardando da lassù anche in...

Continua a leggere su HuffPost