Cento musicisti afghani si rifugiano a Doha per scappare dai talebani

·2 minuto per la lettura

AGI - Per paura di una repressione dei talebani, 101 musicisti e studenti di una nota scuola afghana, di cui metà sono ragazze e donne, sono riusciti a fuggire da Kabul con l'aiuto del Qatar e ora si trovano tutti a Doha.

È stata un'impresa difficile e molto rischiosa, resa possibile dall'ambasciata del Qatar a Kabul che ha trasferito in aeroporto le musiciste e i musicisti a piccoli gruppi, riuscendo a risolvere caso per caso le richieste di visti e documenti arrivate dai talebani ai posti di controllo.

Sicuramente gli aspetti più problematici del complesso ‘trasferimento' hanno riguardato la sorte delle musiciste dell'orchestra di Zohra e delle studentesse che, per legge, non erano autorizzate a lasciare l'Afghanistan con passaporti di servizio temporanei.

Una difficoltà superata grazie alla mediazione di Doha. Ad aver pianificato, da settimane ormai, il viaggio verso la salvezza e la libertà dei suoi studenti e musicisti è stato il fondatore e preside dell'Istituto nazionale di musica dell'Afghanistan, Ahmad Sarmast, che si trova a Melbourne. 

La destinazione finale dell'intero gruppo è il Portogallo, dove il viaggio proseguirà grazie al sostegno del governo di Lisbona.

Quando alla fine il volo è decollato con a bordo tutti i musicisti e le musiciste, Sarmast ha raccontato di essere stato "sopraffatto dall'emozione, con pianti infiniti assieme alla mia famiglia. È stato il momento più felice di tutta la mia vita".

I talebani, che hanno bandito la musica durante il loro governo dal 1996 al 2001, sono tornati al potere lo scorso 15 agosto, promettendo un regime più moderato ma sempre nei limiti della loro interpretazione della sharia.

"Dal momento in cui i talebani hanno preso il potere a Kabul è iniziata la discriminazione contro la musica e i musicisti. Il popolo afghano è stato messo a tacere ancora una volta" ha deplorato Sarmast, ora impegnato a far evacuare tutti i 184 docenti e studenti rimasti a Kabul.

La posizione dei talebani sulla musica è incoerente e in merito non è stato ancora emanato un ordine chiaro. A un raduno dei talebani fuori Kabul, lo scorso fine settimana, la musica religiosa è stata suonata prima dei discorsi di ministri e alti esponenti.

Secondo il dirigente scolastico, è stato subito chiesto a tutti i membri del suo istituto di rimanere a casa in attesa di ulteriori informazioni, ma da allora sono già passati due mesi di silenzio

 

 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli