Centrali a carbone, studio Cnr a Vado Ligure: "Eccessi di mortalità" -2-

Red/Gtu

Roma, 3 set. (askanews) - Gli epidemiologi ambientali dell'Istituto di fisiologia clinica del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ifc) di Pisa hanno studiato l'impatto sanitario della centrale "Tirreno Power" di Vado Ligure (Savona), avviata nel 1970 e alimentata a carbone fino al 2014, quando la Procura della Repubblica di Savona ha fatto fermare gli impianti a carbone per "disastro ambientale doloso".

La ricerca ha valutato la relazione tra l'esposizione a inquinanti atmosferici emessi dalla centrale e il rischio di mortalità e ricovero in ospedale per cause tumorali e non tumorali, studiando tutta la popolazione residente dal 2001 al 2013 in 12 comuni intorno a Vado Ligure. E lo studio degli epidemiologi ambientali Cnr-Ifc è stato pubblicato sulla rivista Science of the Total Environment.

"L'esposizione a biossido di zolfo (SO2) e ossidi di azoto (NOx) è stata stimata dall'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente ligure (Arpal) mediante un modello di dispersione, che ha considerato le emissioni da fonti industriali, portuali e stradali", spiega Fabrizio Bianchi del Cnr-Ifc, coordinatore del gruppo. "L'area - prosegue il ricercatore - è stata suddivisa in 4 classi di esposizione a inquinanti (diversi livelli con inquinamento di crescente intensità). La relazione tra effetti sulla salute ed esposizione a inquinamento atmosferico è stata studiata per uomini e donne, confrontando ciascuna delle tre categorie con maggiore concentrazione di inquinanti con quella a minore concentrazione, tenendo conto dell'età e della condizione socio-economica della popolazione (indice di deprivazione)". Per il periodo 2001-2013 sono state seguite 144.019 persone, identificate con l'indirizzo di residenza. (Segue)