Centro: Biancofiore, 'via da Fi perché motto è meno siamo meglio stiamo'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 28 mag. (Adnkronos) – "Sto andando via da Fi dopo che Berlusconi l’ha lasciata. Certo, c’è formalmente. È il presidente. Ma c’è chi approfitta della possibilità di stargli vicino utilizzandolo come una sagoma di cartongesso per aumentare il proprio potere personale che nulla ha a che vedere con l’interesse del partito e dei cittadini. Non è solo Tajani. Quando qualcuno sale sul trono vicino a Berlusconi dimentica quanto di negativo è accaduto in un partito che alle europee del ’95 era al 35% oggi oscilla tra il 6 e l’8%. Un partito che ha perso 50 parlamentari da quando è arrivato Tajani ai vertici". Lo afferma Michaela Biancofiore, passata a 'Coraggio Italia', in un'intervista a 'La Repubblica'.

"Nulla in contrario -aggiunge riferendosi sempre all'attuale coordinatore di Fi- che sia il capo del partito se passasse dal rispetto dello statuto e magari da un congresso. In politica c’è una sola unità di misura: il consenso. E quando se ne vanno migliaia di dirigenti sul territorio, di eletti, di voti, allora devi prendere coscienza che il consenso non lo hai. Ho telefonato a Berlusconi, che ha cercato di convincermi, non se l’è presa. Il motto di Fi ora è meno siamo, meglio stiamo, per far fuori i non allineati, come me".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli