Centro Pecci, riprendono dialoghi KeyWords tra arte e psicologia

Red
·3 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 3 feb. (askanews) - Dopo i primi tre incontri - nel corso dei quali pensatori, artisti e studiosi si sono confrontati sulle parole trauma, limite e fiducia - dal 10 febbraio riparte #KeyWords. Parole che aprono il presente: un dialogo tra arte e psicologia, format ideato lo scorso autunno dal Centro Pecci di Prato in concomitanza con la chiusura dei musei e dei luoghi di cultura.

Le parole chiave protagoniste dei prossimi tre appuntamenti saranno: coraggio (10 febbraio), solitudine (23 febbraio) e trasformazione (9 marzo). Gli incontri saranno gratuiti e aperti a tutti e verranno trasmessi in live streaming su www.centropecci.it.

Il format #KeyWords nasce dalla collaborazione del Centro Pecci con LabCom - Ricerca e azione per il benessere psicosociale - spin-off accademico dell'Università degli Studi di Firenze, che fa parte del Laboratorio Congiunto Multisetting Community Action Research: from real to virtual del Dipartimento di Formazione, Lingue, Intercultura, Letterature e Psicologia - FORLILPSI, Università di Firenze - UNIFI. #KeyWords propone una serie di incontri in cui ospiti provenienti da ambiti differenti dialogano ogni volta su una diversa parola chiave. Partendo dall'esigenza di comprensione e condivisione delle difficoltà che ognuno di noi sta incontrando in questo momento storico, sia a livello personale che sociale, le parole vengono usate per approfondire gli stati d'animo, affrontare le insicurezze, cercare chiavi di lettura e acquisire nuovi strumenti che possano arricchire la cassetta degli attrezzi di cui abbiamo bisogno per affrontare le sfide che ci impone il nostro tempo. Crisi e incertezza - spiegano dal Pecci - descrivono oggi la nostra visione del presente e del futuro: connubio che genera un senso di impotenza in cui lo stato di attesa prolungato che stiamo sperimentando non viene percepito come "resistenza" quanto piuttosto come "sopravvivenza", simile a quella di un naufrago in mare senza vento. Viktor Frankl - neurologo, psichiatra e filosofo austriaco, tra i fondatori dell'analisi esistenziale e della logoterapia - dice che l'uomo è "in cerca di senso", quindi il vuoto dell'incertezza che oggi viviamo può essere riempito da confronto, riflessione, incontro dialogico tra idee ed esperienze. #KeyWords parte da queste considerazioni e - mettendo al centro il museo come luogo che raccoglie una comunità non solo fisica, ma simbolica (quella dell'arte, della cultura, della scienza) - ospita pensatori, artisti, studiosi in un dialogo aperto, per e con gli ascoltatori, su temi centrali in questo momento storico. Mercoledì 10 febbraio il quarto appuntamento, primo incontro del 2021, sarà dedicato alla parola CORAGGIO e vedrà protagonisti lo scrittore Gianrico Carofiglio in dialogo con Maria Grazia Monaci, professoressa Ordinaria di Psicologia sociale e Rettrice dell'Università della Valle d'Aosta. Martedì 24 febbraio, gli ospiti del quinto appuntamento in dialogo sulla parola SOLITUDINE saranno la scrittrice e traduttrice Claudia Durastanti e lo psicologo e psicoterapeuta Giorgio Nardone, Direttore del Centro di Terapia Strategica di Arezzo, fondato insieme a Paul Watzlawick, e della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia. Martedì 9 marzo per il sesto appuntamento, i protagonisti di una conversazione sulla parola TRASFORMAZIONE saranno l'attrice e performer Chiara Bersani e lo psichiatra Peppe Dell'Acqua, storico collaboratore di Franco Basaglia e Professore di Psichiatria sociale presso la Facoltà di Psicologia di Trieste.