Centrodestra, Gasparri: da campus Everest idee per unità

Pol/Vep

Roma, 31 ago. (askanews) - "1994, Berlusconi scende in campo e per la prima volta alle elezioni vince il centrodestra. 1996, alle elezioni partiti di centrodestra prendono più voti della sinistra, che vince con Prodi solo perché la Lega e altri vanno per conto loro. 2001 vince il centrodestra unito. 2006 al Senato il centrodestra unito prende più voti popolari, alla Camera si sospettano brogli, vicenda mai chiarita perché Prodi, come era giusto, cade prematuramente. 2008 vince il centrodestra unito. 2013 ,dopo congiure di ogni tipo e assalti selvaggi a Berlusconi, la sinistra non ottiene comunque la maggioranza nelle due Camere. 2018 cambia ancora la legge elettorale, ma la coalizione più votata è sempre quella di centrodestra. Questi i fatti e la recente storia politica. Non servono commenti, anatemi, urla da tifosi. Al campus Everest a Giovinazzo dal 6 all'8 settembre, meeting dei giovani, e non solo, Forza Italia potrà ragionare alla luce del sole, proponendo e progettando. I problemi politici si risolvono con proposte politiche". Lo dichiara il senatore Maurizio Gasparri (FI)

"I cori delle tifoserie fanno colore e hanno una loro funzione, ma non sono la soluzione - conclude Gasparri -. Noi siamo in campo, non sugli spalti. E dobbiamo dare un senso al gioco di squadra, anche se qualcuno si illude di giocare da solo. Per le risse, che comunque portano alla sconfitta, c'è sempre tempo. Ma sarebbero il segno del fallimento".