Centrosinistra: Ricci, 'sindaci Pd per federazione e alleanza giallorossa'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 9 giu. (Adnkronos) – "Ne abbiamo parlato tra di noi sindaci del Pd: la proposta di una federazione del centrosinistra è largamente condivisa. E’ una scommessa obbligata se vogliamo essere competitivi alle prossime politiche. Competitivi anche rispetto al M5Stelle di Conte”. Lo dice Matteo Ricci, coordinatore dei sindaci Pd, a Repubblica parlando di una federazione che tenga insieme Pd, Bersani, Verdi fino a Calenda e Renzi. “E’ desolante del resto: il centrosinistra è frantumato in mille pezzi”.

Se il centrodestra farà la federazione "non abbiamo alternativa. C’è una legge della politica per cui ciò che avviene in un campo influenza anche il campo avversario". Ricci si riferisce a "sinistra, ad Articolo uno e ai Verdi. Sul fronte liberal-riformista, ci sono +Europa, Azione e Italia Viva. E tengo fuori Sinistra italiana di Nicola Fratoianni che, non essendo al governo, difficilmente è federabile. Ma tutti gli altri partiti – da Bersani a Calenda e a Renzi – potrebbero fare parte della federazione del centrosinistra".

"E’ una mia proposta, che nel gruppo dei sindaci dem è largamente condivisa. Non si tratta solo di essere competitivi rispetto a Lega e Fi, ma ci sarà anche una competizione per così dire 'interna' all’alleanza giallo-rossa, ovvero con i 5Stelle di Giuseppe Conte. Io credo nella all’alleanza con i 5stelle di Conte, vorrei però che il Pd fosse il partito-guida di un’alleanza giallo-rossa. Quindi alleati, ma con una federazione dei riformisti che sia maggioritaria”. Con il segretario Enrico Letta "ne parleremo sicuramente nel prossimo coordinamento politico del Partito Democratico”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli