Ceo Google: "Provo dolore" ogni volta che pubblichiamo fake news

A24/Spa/Coa

New York, 4 ott. (askanews) - Nel giorno in cui Donald Trump è tornato a criticare la circolazione di notizie false, l'amministratore delegato di Google ha fatto una sorta di mea culpa per avere favorito involontariamente la circolazione delle cosiddette fake news. In una intervista a The Verge, Sundar Pichai si è inserito dunque in un dibattito che chiama in causa i colossi tecnologici e che ha travolto anche Twitter e Facebook, 'reo' per altro di avere pubblicato pubblicità politiche legate alla Russia.

"Credo che sia una grande reponsabilità fare queste cose nel modo giusto. Credo che saremo capaci di fare le cose in modo migliore nel tempo", ha detto il Ceo aggiungendo; "Avvertiamo una grande responsabilità".(Segue)