"Cercasi infermieri per vaccini ad allettati". L'appello del sindaco nel Comasco

Manuela D'Alessandro
·1 minuto per la lettura

AGI - Emanuele Cappelletti, il sindaco del piccolo Comune di Capiago Intimiano, nel Comasco, lancia un appello sul suo profilo Facebook per trovare tre infermieri disponibili la mattina di sabato 26 marzo a vaccinare una cinquantina di concittadini allettati che non possono uscire di casa.

"E' notizia di queste ore che il Comune di Capiago Intimiano, grazie alla preziosissima collaborazione dei nostri medici di base, è riuscita ad avere da ATS uno stock di vaccini Moderna da somministrare ai nostri concittadini - annuncia - che a oggi, per particolari condizioni di fragilità risultano allettati o comunque non possono uscire di casa (come da risultanze dei nostri medici di base), stock che andrò personalmente a ritirare sabato mattina all'alba presso la direzione sanitaria di ATS Lombardia.

Stante che da quando verranno scongelati abbiamo tempo 6 ore per somministrarli, la macchina organizzativa deve funzionare alla perfezione
.Tutti i nostri medici di base hanno già dato la propria disponibilità a recarsi a casa dei cittadini da loro assistiti". E poi la richiesta rivolta a tre infermieri volontari "disponibili a supportarci dalle 8 e 30 alle 14 di sabato".  Sarà lo stesso sindaco, più il suo vice e un assessore, a portare medici e infermieri a casa dei pazienti. 
I candidati sono invitati a scrivergli via messenger o all'indirizzi di posta elettronica del Comune.