"Cerco baby sitter, che sia cuoca, sciatrice e laureata". L'annuncio di una mamma della Silicon Valley

HuffPost

Una mamma di due gemelli di 10 anni, nonché amministratore delegato nella Silicon Valley, sta cercando una tata che si occupi dei suoi figli ma allo stesso tempo anche di lei. Probabilmente, date le abilità richieste, più che una semplice baby sitter a questa donna urge trovare una Mary Poppins dei giorni nostri. Deve saper sciare, essere un bagnino, ottima cuoca di cucina vegana e autista, anche nei paesi stranieri.

L’aspirante baby sitter dovrà concordare un programma di cinque giorni a settimana: o dalla domenica al giovedì o dal lunedì al venerdì, dalle 11.30 alle 20. Ovviamente, quando non viaggia. Già perché chi verrà assunto dovrà pianificare anche le vacanze in base allo sviluppo dei due bambini e tener conto della necessità della loro madre di rilassarsi. È per questo che dovrà essere in grado di guidare in paesi esteri, dovrà saper sciare e guidare sulla neve per portare i bambini in montagna. 

Ovviamente, questo non esenterà dalle mansioni “ordinarie”, quali aiutare i ragazzi a fare i compiti (ah, è anche richiesto un attestato di laurea o comunque un livello di istruzione simile), stimolare la loro intelligenza attraverso giochi matematici (un esempio: “Quanti pesci dobbiamo comprare per noi cinque?”) ed allenarsi con loro nella palestra di casa. In base a quest’ultima richiesta, è necessario che colui che farà domanda per ottenere il posto sia un bagnino che conosca le basi degli sport di squadra. 

Ancora: nell’annuncio si legge che l’aspirante lavoratore dovrà “inviare e-mail e messaggi di testo a fornitori, amici e genitori in modo professionale; utilizzare Word per tenere traccia delle faccende dei bambini; pianificare riunioni familiari; tenere conto delle spese di indennità e delle spese domestiche, nonché monitorare e tenere traccia degli acquisti e effettuare resi in tempo”. Per ultimo, ma non certo per importanza, è richiesta una capacità in cucina “eccezionale”: la famiglia, infatti, è molta...

Continua a leggere su HuffPost