Cerno: "Governo ridicolo, ecco perché passo a Forza Italia Viva"

webinfo@adnkronos.com

"Un governo ridicolo, un governo di cialtroni". Tommaso Cerno si esprime così a Un giorno da pecora. Il senatore lascia il Pd per passare a Italia Viva. "Ho annunciato che passo a Forza Italia Viva... Sono stato eletto nel Pd e sono rimasto nel Pd fino a quando non è arrivato Zingaretti, con Franceschini e Bettini. E non ho più capito da dove si cominciava... Sono arrivati da un po' ma gli effetti si vedono adesso. Il mio passaggio a Italia Viva? Renzi lo ha detto a Mentana, dovevo decidere in 5 minuti... ", prosegue Cerno. "Avevo deciso da prima, ieri sera era un momento cruciale. C'era il rischio che tutto finisse in... un giorno da pecora'', aggiunge ironicamente. 

"Alle 20 ieri ero da Renzi a Palazzo Giustiniani e ho detto che sarei passato a Italia Viva per distinguermi sul tema della prescrizione. Non sono d'accordo con un paese in cui ci sono governi a vita col proporzionale e processi a vita. I governi e i processi devono durare per un tempo ragionevole", spiega ancora. "Ho chiamato Renzi per dire 'voglio venire con te'? Devo dire che ha chiamato più lui. Mi ha chiamato 2-3 volte al giorno prima di partire per il Pakistan", dice riferendosi al dialogo con Renzi. 

"Parlando di cose serie, abbiamo la legge elettorale più assurda che ti fa perdere sia il proporzionale che il maggioritario. Sulla prescrizione, non c'è dubbio sulla battaglia da fare. Il Pd si è appiattito su una posizione ridicola e non ha senso il dibattito sulle intercettazioni. Nel momento in cui pensi che nel tuo partito non ci sia confronto dialettico...", prosegue. "C'è una maggioranza in cui Renzi ha 18 voti necessari al Senato. Giuseppe Conte è il mio premier? E' il premier di tutti, è stato premier della destra, della sinistra, dei verdi, dei gialli e dei rossi. Sono stato io a lanciare la proposta affinché restasse premier, è stato l'unico ad avere il coraggio di venire in Parlamento a dire che la Lega ha imbrogliato gli italiani", afferma ancora. 

Ora c'è "un governo ridicolo, che non ha nulla a che vedere con l'idea che lo muove. E' un governo di correnti. Ho votato la fiducia due volte, non penso che la voterò più... E' un governo di cialtroni fatto da una sinistra che non esiste e da un Movimento 5 Stelle che si è ucciso, fatto con persone che rappresentano solo la lottizzazione dei partiti". Rispunta la formula 'Forza Italia Viva' usata anche in modo ironico da Mara Carfagna: "Sarà la prossima...". Verrà da voi? "Penso di sì...", dice Cerno tra il serio e il faceto. "Io passo da un partito in cui non si può pensare ad un in cui si può dire qualcosa", afferma ancora. "Vedo un Conte ter? Vedo un 'Conte fine', vedo prescritto il governo Conte, vedo prescritto Conte, né assolto né condannato. Dopo 3 anni vedo una prescrizione di questo governo". E a quel punto, un governo di scopo? "Può essere. Governo con Salvini? No, no. Non credo vogliano un governo basato su questa intesa proporzionale. Direi 'mai con Salvini'? Con Salvini si può discutere di riforma elettorale, non credo che il governo sia nelle cose...".