Cesare Battisti trasferito da Rossano al carcere di Ferrara. Era in sciopero della fame

·1 minuto per la lettura
Cesare Battisti (Photo: Ansa)
Cesare Battisti (Photo: Ansa)

Cesare Battisti è stato traferito dal carcere di Rossano (Cosenza) a quello di Ferrara. Lo fa sapere il Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe).
Battisti era in sciopero della fame dal 2 giugno per protestare contro il collocamento presso la sezione del carcere calabrese destinata ai terroristi islamici.

“Cesare Battisti - afferma Giovanni Battista Durante, segretario generale aggiunto Sappe - probabilmente anche grazie al sostegno politico ricevuto, è stato traferito dal carcere di Rossano, istituto a lui non gradito, a quello di Ferrara. Ricordiamo che tra gli omicidi commessi da Battisti vi è anche quello del maresciallo Santoro, allora comandante del carcere di Udine. Speriamo che adesso sconti la pena prevista, cioè l’ergastolo, considerato che per tanti anni si è sottratto alla giustizia e che per i famigliari delle vittime ci sia il giusto risarcimento”.

L’ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo Cesare Battisti sta scontando l’ergastolo per quattro omicidi commessi alla fine degli anni ’70.
Dopo l’arresto in Bolivia nel 2019 dopo 37 anni di latitanza, è stato detenuto dal gennaio 2019 nel penitenziario di Massama (Oristano).
Poi, dopo proteste per il regime di isolamento, a settembre 2020 è stato trasferito nel carcere di Rossano (Cosenza).

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Leggi anche...

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli