Cgie: mobilitazione per no a referendum su taglio parlamentari -5-

Red/Bea

Roma, 4 feb. (askanews) - GRAVE LESIONE DELLA RAPPRESENTANZA DEMOCRATICA Un rapporto destinato ad aggravarsi ulteriormente: dal 2006 a oggi, la base elettorale in Italia è andata calando, mentre quella degli iscritti all'AIRE è aumentata del 60% circa e continua a crescere a causa di flussi di emigrazione stabile, cui si aggiungono gli italiani temporaneamente all'estero, anch'essi in costante aumento.

Il Cgie ha sempre chiesto e ribadito negli incontri istituzionali e nelle audizioni alla Camera e al Senato che la revisione costituzionale in esame valutasse di espungere del tutto il riferimento agli eletti nella circoscrizione estero dal taglio lineare, in modo da prevedere in aggiunta al numero rideterminato dei deputati e senatori eletti nel territorio nazionale, il novero immutato dei deputati e dei senatori eletti all'estero.

Pertanto ai previsti 200 senatori da eleggere in Italia aggiungere i 6 senatori eletti all'estero per formare un Senato di 206 persone e al numero di 400 deputati eletti in Italia alla Camera aggiungere i 12 deputati eletti all'estero. (Segue)