Cgie: mobilitazione per no a referendum su taglio parlamentari -6-

Red/Bea

Roma, 4 feb. (askanews) - IL CGIE CHIAMA ALLA MOBILITAZIONE PER VOTARE NO La misura adottata nella revisione costituzionale rappresenta una gravissima lesione del principio di uguaglianza tra i cittadini sancito dall'articolo 3 della Costituzione ("Tutti i cittadini hanno pari dignità sociali e sono uguali davanti alla legge"), e si creerebbe una profonda discrepanza nel rapporto numerico tra elettori ed eletti, relegando tutti i cittadini residenti fuori dai confini nazionali ad una condizione di inferiorità e marginalità.

Respingere la riforma costituzionale è il solo modo per mantenere vivo e saldo quel legame con la madre patria che contribuisce al rafforzamento degli interessi di natura economica e geopolitica e alla promozione del Sistema Italia. Il CGIE chiama i Comites, le Associazioni e i connazionali ad una grande mobilitazione per la democrazia e per i diritti civili e politici, contro il taglio del numero dei parlamentari che riduce di un terzo i già pochi deputati e i senatori eletti nella Circoscrizione estero. Il Cgie, forte della sua autorevole rappresentatività delle comunità italiane sparse nei cinque continenti, chiede alle comunità italiane all'estero un impegno straordinario per votare e far votare NO.