Cgil, scritte sulla sede di Olbia: "Landini nazi"

(Adnkronos) - Mentre qualcuno a Perdasdefogu (Nuoro) lasciava sui muri scritte nere con insulti al neo sindaco e a un consigliere comunale, a Olbia qualcun altro ne lasciava di rosse prendendo di mira la Cgil e il suo segretario nazionale. 'Landini nazista' e 'Sindacato nazi' sono le scritte che hanno imbrattato la sede inaugurata da poco della Camera del Lavoro a Olbia. "Condanniamo il vile atto di natura violenta e squadrista – commenta il segretario della Cgil Sardegna, Samuele Piddiu - compiuto questa notte per mano, al momento, di ignoti che hanno imbrattato i muri della sede della Camera del Lavoro di Olbia con scritte che prendono di mira, con intento intimidatorio fascista, l'intera organizzazione e il nostro segretario generale Maurizio Landini".

Il leader sardo del sigla guidata da Maurizio Landini sottolinea che "gravi episodi come quello di Olbia si stanno purtroppo compiendo in diverse sedi sindacali in tutta Italia e che occorre alzare ulteriormente il livello di attenzione e presidio democratico in tutto il Paese contro ogni genere di azione violenta e fascista". Samuele Piddiu assicura: "Noi continueremo a svolgere la nostra attività fondata sui valori della democrazia e dell’antifascismo, non ci faremo intimidire".

Sulla vicenda di Olbia interviene anche la segretaria territoriale, Luisa Di Lorenzo, che auspica "un’indagine che faccia chiarezza su quanto accaduto proprio a pochi giorni dall’inaugurazione della nuova sede, un fatto che ha una simbologia identificabile con il movimento novax e non può essere considerato isolato o sottovalutato".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli