Che cos’è l’Advanced Planning and Scheduling nel manufacturing e a cosa serve

57aeb64eea23ab3137deabb202246160
57aeb64eea23ab3137deabb202246160

Avete mai sentito parlare di APS? APS è l’acronimo di Advanced Planning and Scheduling, uno degli strumenti informatici che facilitano ed automatizzano la gestione dei processi di produzione e logistica nell’era dell’Advanced Manufacturing e dell’Industry 4.0. Il suo obiettivo è quello di controllare le prestazioni e migliorare l’efficienza risolvendo i problemi di pianificazione e programmazione lungo l’intera catena di fornitura, dal fornitore di materie prime al cliente finale. Con l’assistenza dei sistemi APS, spesso utilizzati in combinazione con sistemi ERP (Enterprise Resource Planning), è infatti possibile ottimizzare non solo la produzione stessa gestendo ove necessario capacità finita di linee, isole o singoli centri di lavoro, ma anche l’intero processo di approvvigionamento

Come funzionano gli Advanced Planning and Scheduling (APS) e perché sono fondamentali nel manufacturing?

Gli APS sono sistemi che servono a rappresentare ed ottimizzare i piani di produzione. L’obiettivo finale è quello di risolvere i problemi di schedulazione. Ma come si risolvono tali problemi? Tramite APS si possono ottenere piani di produzione che contemplino tutti i vincoli di fabbrica. Il piano di produzione può essere generato attraverso dei sequenziamenti basati sulle priorità o attraverso motori di ottimizzazione che vadano a cercare la soluzione migliore rispettando ovviamente tutti i vincoli di fabbrica forniti.

Andiamo a risolvere un altro quesito: perché sono utili o quasi fondamentali nel manufacturing? Nel manufacturing un sistema APS è fondamentale perché ha a che fare con aziende a produzione complessa. Semplificare ed ottimizzare i processi di pianificazione e programmazione grazie a modelli matematici può apportare moltissimi benefici, minimizzando i contro legati all’utilizzo di tali sistemi, che possono essere riassunti nella maggior mole di informazioni e dati da gestire per permettere agli APS di supportare in maniera ottimale i planner.

I due componenti principali dei sistemi di Advanced Planning and Scheduling (APS) – pianificazione strategica e programmazione dettagliata – aiutano ad anticipare le esigenze di risorse di produzione ed individuare e risolvere possibili colli di bottiglia; orchestrare un uso efficiente di materiali, persone e macchine; fornire un prezioso servizio clienti e tempi di consegna più brevi; ridurre gli sprechi e conseguire una maggiore redditività. Scopriamo in cosa consistono le attività di Planning e Scheduling e come operano nel concreto.

1) Planning

Iniziamo con il Planning, che consiste nella pianificazione: la creazione di un piano di produzione/acquisti multilivello che soddisfi la domanda di prodotto finito. Grazie all’APS, l’attività di Planning garantisce un piano di produzione finale in grado di rispettare, ove possibile, le richieste del cliente finale, sia esso l’end customer o un’altra azienda della filiera produttiva.

Grazie ad un processo di pianificazione che assicura che le risorse produttive aziendali vengano utilizzate in maniera ottimale si possono ottenere numerosi benefici: una migliore relazione con i fornitori, una riduzione degli sprechi di risorse, maggior utilizzo della capacità di produzione, riduzione dello stock all’interno dell’azienda e dei costi di capitale in generale, riduzione dei ritardi di produzione, maggior qualità generale nell’esecuzione dei processi e delle attività di planning, un migliore livello di servizio ai clienti in termini di rapidità, flessibilità e rispetto delle date di consegna.

2) Scheduling

Nella fase di Scheduling mediante l’utilizzo di algoritmi il sistema APS ha il compito di risolvere il problema di sequenziamento del piano produttivo rispettando i vincoli legati alla capacità finita delle risorse in modo da generare un piano che sia effettivamente “realizzabile”. Per funzionare al meglio, il processo di Scheduling risolve i problemi attraverso algoritmi. In casi più dettagliati è possibile servirsi anche di funzioni matematiche complesse che operino secondo i vincoli stabiliti mediante criteri di ottimizzazione basati su funzioni obiettivo e parametri da impostare

Quali sono i benefici dell’utilizzo dell’Advanced Planning and Scheduling (APS) nel manufacturing?

Parliamo adesso dei vantaggi e dei benefici nell’adozione dell’APS nel settore del manufacturing. Sapete che ogni investimento che punta al lungo periodo non è mai un investimento perso ma solo un guadagno: ebbene, questo vale anche per l’APS.

La maggior parte delle aziende utilizza sistemi ERP per l’approvvigionamento delle risorse e materie prime per la produzione. E chi l’ha detto che non si possano usare sia un sistema ERP che un sistema APS? L’uso combinato di entrambi i sistemi, oltre ad essere compatibile, migliora le funzionalità dell’ERP. Un altro enorme beneficio è l’analisi di scenario. Grazie ad essa si potranno valutare i pro e i contro dei vari piani di produzione.

Oltre all’analisi di scenario un altro vantaggio è anche l’aumento della visibilità sui processi. Grazie agli avanzati grafici Gantt e alert customizzabili è possibile avere un controllo totale sulla produzione. Se c’è qualcosa che riassume un po’ tutto ed è forse il principale beneficio per un’azienda è proprio l’ultimo vantaggio che stiamo per spiegarvi: la riduzione degli sprechi e l’aumento della redditività di lungo termine. Se si decide di utilizzare l’Advanced Planning and Scheduling nel manufacturing si può aumentare fino al 20% la produttività del reparto di produzione riducendo fino al 50% l’uso di materie prime. Ma come si fanno a ridurre così drasticamente gli sprechi? Semplicemente rendendo la produzione più efficiente, ciò che determina una riduzione dei costi ed un aumento della profittabilità.