Che fine ha fatto Josip Ilicic?

·1 minuto per la lettura
(Photo: Getty Images)
(Photo: Getty Images)

Josip Ilicic è diventato un caso. Il fantasista dell’Atalanta, fulcro della squadra bergamasca e uno dei migliori giocatori della Serie A per rendimento, è tornato in Slovenia per problemi familiari, con il permesso del club. Da quando il campionato di Serie A è ripartito, il giocatore non è sembrato più lui. Infatti, non gioca dallo scorso 11 luglio, contro la Juventus, dove era apparso molto scarico.

Non si sa molto su quello che è successo al giocatore. A riguardo, l’allenatore Gianpiero Gasperini avrebbe detto solo “gli stiamo vicino”, racconta il Corriere della Sera. Secondo i giornali, il 32enne avrebbe sofferto molto i mesi passati in lockdown a Bergamo, una delle città più colpite dalla pandemia e dove il ricordo dei camion pieni di bare è ancora vivo nelle menti dei suoi cittadini. È noto che il giocatore abbia un carattere particolarmente sensibile, stando alle dichiarazioni di vari suoi compagni di squadra. L’Atalanta sta facendo muro intorno a lui, glissando sulle domande riguardanti lo sloveno.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La sua presenza è in dubbio per la sfida di Champions League contro il Paris Saint Germain, e sarebbe una perdita molto grave. I numeri offensivi dell’Atalanta, come racconta l’Ultimo Uomo, sono fuori scala, e Ilicic contribuisce da due anni con prestazioni incredibili. La squadra bergamasca ha segnato 98 goal in Serie A quest’anno - è già il record di sempre per la Dea - più 16 in Champions.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli