"Che senso hanno i reali se non si fanno vedere?". L'ira dei paparazzi contro Meghan e Harry

Huffington Post

Meghan e Harry avrebbero deciso: il loro royal baby non sarà immortalato nella foto ufficiale post-parto. Un annuncio che rompe con la tradizione e fa infuriare i sudditi, ma anzitutto i paparazzi. Scegliendo di non presentare il figlio sulle scale dell'ospedale, a poche ore di distanza dal parto, il principe Harry e la sua moglie Meghan Markle, non solo hanno interrotto un rito che andava avanti da 40 anni, ma hanno anche indispettito la stampa britannica.

"È la distruzione di una tradizione vecchia decenni", ha detto al New York Times, in forma anonima, un cronista reale, "c'è un prezzo che deve essere pagato per questo e si chiama derisione". L'editorialista Jan Moir del Daily Mail, invece, criticando duramente la coppia per aver scelto di non mostrare il Baby Sussex ai fotografi, ha scritto: "Che senso hanno i reali se non possiamo celebrare i loro figli con un'ondata di bandierine britanniche e brindisi? Farlo due o tre giorni dopo non è lo stesso".

La decisione di tenere lontana la stampa e godersi in privato i primi giorni di vita del neonato, non arriva inaspettata: già l'anno scorso, al loro matrimonio nella cappella di St George, i duchi di Sussex avevano ammesso solo fotografo.

Arthur Edward, 78enne fotografo di The Sun che ha documentato le nascite di cinque Royal Baby, compreso lo stesso Harry, alla Lindo Wing del St. Mary's Hospital di Londra, dichiara: "L'ho fotografato quando è uscito dalla clinica nelle braccia di Diana e mi sarebbe piaciuto fotografarlo ora con il suo bambino". "Sono triste per lui", ha concluso Edwards, "perchè sta diventando cupo".

Una nuova scelta controcorrente per i Duchi di Sussex, insomma. Di recente, Meghan e Harry sono sbarcati su Instagram con un profilo tutto loro, @sussexroyal, i primi reali in discendenza diretta ad aver preso una simile iniziativa. E c'è già chi, sui tabloid inglesi, scommette che la prima foto del Sussex Baby verrà pubblicata proprio sul famoso social network.

Continua a leggere su HuffPost