Chef Rubio attacca le sardine: “Ma quale lotta sociale”

chef rubio sardine

In rientro dal Festival del giornalismo alimentare di Torino, Chef Rubio approfitta per parlare delle sardine e per criticare il movimento di Mattia Santori. Il ritrovo di Napoli, tra l’altro, ha registrato un flop: in piazza Dante si erano riunite meno di 400 persone. Per Rubio il segnale è chiaro: “La lotta sociale non sono le sardine”.

Chef Rubio attacca le sardine

“Non ho avuto occasione di conoscere il movimento perché non ero in Italia – ha confessato chef Rubio ai giornalisti -, ma la lotta sociale non sono le sardine“.

Poi annuncia il mancato incontro con Nicoletta Dosio, la 73enne ‘pasionaria’ No tav che si trova in carcere. “Si sarebbero dovuti parlare oggi (20 febbraio) – rivelano dall’ufficio stampa – in un colloquio speciale richiesto da Nicoletta due mesi fa. Non si conoscono le motivazioni del divieto ufficiale arrivato solo a poche ore dal colloquio”. Chef Rubio, infatti, ritiene che Nicoletta “sta portando avanti la battaglia, il suo credo per risvegliare l’attenzione su un dramma che sta passando sotto silenzio, sta facendo una grande cosa, so che la porterà a termine e ha fatto bene a farlo”. E assicurava: “Andrò a trovarla, staremo un paio d’ore insieme. Dopo un abbraccio ascolterò quello che avrà voglia di raccontarmi, o anche in silenzio. Massimo rispetto”.

Alla domanda se tornerà in televisione, invece, ha risposto: “Non escludo nulla. Ho sempre preso quello che veniva. E se ci sarà modo di poter rientrare e raccontare quello che voglio io come dico io, ben venga“. “Sicuramente – ha aggiunto Rubio – la tv mi ha reso famoso però io ho umanizzato la tv, che era abbastanza sterile”.