Chernobyl, boom di selfie dopo il successo della serie tv. L'autore: "Abbiate rispetto"

Uno degli scatti di una influencer nei luoghi del disastro di Chernobyl (Instagram/nz.nik).

Numerosi influencer sono stati criticati per aver scattato e pubblicato sui propri profili selfie sexy nei luoghi del disastro di Chernobyl, diventati una inusuale meta turistica dopo il successo dell’omonima serie televisiva HBO.

Diverse agenzie turistiche, riporta il Daily Mail, dichiarano di aver registrato un aumento tra il 30% e il 40% di tour organizzati nella città fantasma.

In due foto scattate vicino a Pripyat in Ucraina, una influencer che conta oltre 4,000 follower su Instagram appare quasi nuda, mentre indossa soltanto parzialmente una tuta anti radiazioni trasparente e un perizoma.

Non solo: è stato girato anche un video con un bacio saffico tra due giovani ragazze. La regista del video, il cui nickname su Instagram è angelinaprotein, ha accompagnato il video al testo, in lingua russa: “Iscriviti e aspetta 💣 Vi diremo cosa sta succedendo, perché scrivono di noi nelle notizie di tutto il mondo. E questo non è uno scherzo. Se qualcuno ha bisogno di un video o di un servizio fotografico, scriva angelinaprotein@mail.ru”

Un altro scatto vede una giovane donna con un trucco molto pesante, una mascherina e una copertura per la testa. I suoi post sono geotaggati in modo che i suoi follower possano sapere che sono stati pubblicati dal luogo del disastro.

Altri post di utenti Instagram che sono andati a visitare il luogo ritraggono fan della serie tv o semplici turisti in pose o mise inappropriate all’interno della zona di esclusione di Chernobyl, altri accanto a una inquietante giostra di divertimento abbandonata, altri ancora con detector utilizzati per le radiazioni nel tentativo di mostrare che l’area sia ancora radioattiva.

Foto e selfie simili dimostrano quanto forse la voglia di esposizione e di mostrarsi sorpassino spesso la decenza o comunque il rispetto delle vittime di disastri come quello di Chernobyl.

I post sono diventati così frequenti che Craig Mazin, lo sceneggiatore e produttore della popolare miniserie, ha deciso di pubblicare su Twitter un post per chiedere alle persone di essere rispettose nei confronti di ciò che è accaduto in quei luoghi.

“È incredibile il fatto che #ChernobylHBO abbia ispirato un’ondata di turismo nella Zona di Esclusione”, legge il tweet, pubblicato lo scorso martedì. “Ma sì, ho visto quelle foto in giro. Se andate a visitare i luoghi, per favore ricordate che una tragedia terribile ha avuto luogo lì. Comportatevi con rispetto nei confronti di tutti coloro che hanno sofferto e si sono sacrificati.”

Nelle settimane successive all’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl nel 1986, 29 pompieri e lavoratori delle centrali elettriche morirono di sindrome acuta da radiazioni. La serie televisiva evidenzia come siano aumentati i tassi di tumore in Ucraina e Bielorussia dopo l'incidente: la stima dei decessi totali varia da 4.000 a 93.000.