Chernobyl, reattore 4 si è risvegliato: torna la paura del disastro nucleare

·1 minuto per la lettura
 (AP Photo/Efrem Lukatsky)
(AP Photo/Efrem Lukatsky)

A Chernobyl sono riprese le reazioni di fissione nucleare. Trentacinque anni dopo l'esplosione del 1986, masse di uranio sepolte all'interno del reattore numero quattro della centrale sono tornate reattive. “È come se ci fossero tizzoni in un barbecue”, ha dichiarato a Science Neil Hyatt, chimico dei materiali nucleari all’Università di Sheffield.

Memori del peggior incidente nucleare della storia, gli scienziati del governo ucraino stanno cercando di capire se queste reazioni si esauriranno da sole o se sarà necessario un intervento per scongiurare un incidente.

GUARDA ANCHE: A 35 anni dall'incidente di Chernobyl alcuni sono tornati a vivere nella zona di esclusione

I sensori hanno registrato un numero crescente di neutroni, che è il segnale di una reazione di fissione nucleare in corso. La causa della ripresa non è ancora chiara: il reattore numero quattro, quello in cui si verificò l'incidente nel 1986, ora è coperto da un 'sarcofago' di cemento e acciaio, ulteriormente rafforzato da una nuova struttura nel 2016.

Secondo gli scienziati ucraini le reazioni potrebbe essere una conseguenza della disidratazione del combustibile nucleare rimasto sepolto dopo la catastrofe. Gli esperti hanno rassicurato che anche qualora si verificasse un incidente, sarebbe un evento contenuto e imparagonabile a quello di 35 anni fa.

GUARDA ANCHE: Il presidente ucraino visita Chernobyl a 35 anni dal disastro

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli