Chi è affamato prova meno dolore

·2 minuto per la lettura

AGI - Il dolore è un meccanismo di difesa che ci aiuta ad evitare rischi e pericoli e in sostanza, a sopravvivere. Ma di fronte all'istinto primario della fame, il dolore si attenua. è la scoperta di un gruppo di ricercatori dell'Università della Pennsylvania, premiata oggi e pubblicata sul numero di novembre di Science. "La fame cambia la nostra percezione del mondo", ha dichiarato ad AGI la neuroscienziata Amber Alhadeff, a capo della ricerca e vincitrice dell'Eppendorf & Science Prize for Neurobiology 2021.

Per determinarlo, gli esperti hanno esaminato l'interazione tra fame e dolore, due sensazioni che abbiamo potenzialmente allo stesso tempo. "Abbiamo scoperto che la fame - commenta l'esperta - attraverso l'attivazione di una piccola popolazione di neuroni ipotalamici nel cervello, sopprime fortemente il dolore. Abbiamo anche determinato che questo circuito rilascia un peptide, il Neuropeptide Y nel romboencefalo, esercitando questi effetti antinocicettivi. Questi neuroni consentono agli individui, anche di fronte al dolore, di andare a trovare il cibo di cui hanno bisogno per sopravvivere".

Questa ricerca fornisce interessanti sviluppi sulla comprensione della funzione e della regolazione fisiologica dei neuroni della fame nel cervello e approfondisce in che modo la fame cambia la nostra percezione del mondo che ci circonda e come comunicano i segnali dall'intestino con i centri della fame nel cervello.

"Eravamo anche interessati ai segnali che disattivano l'attività nei neuroni della fame - prosegue la neuroscienziata dell'Università della Pennsylvania - in questo lavoro, abbiamo scoperto che i nutrienti nell'intestino sono i principali regolatori dei neuroni ipotalamici della fame. Abbiamo anche scoperto che diversi nutrienti, ad esempio grassi e zuccheri, coinvolgono diversi percorsi neurali del cervello intestinale per spegnere i neuroni della fame nel cervello. Quindi, nel complesso, questi esperimenti caratterizzano davvero il modo in cui il rilevamento dei nutrienti nell'intestino coinvolge i percorsi neurali che comunicano con il cervello e, in definitiva, con i neuroni della fame, spegnendoli quando mangiamo cibo".

Questo lavoro, secondo l'esperta, "può avere implicazioni per lo sviluppo di terapie, in particolare legate all'obesità e potenzialmente ad altri disturbi alimentari. La nostra scoperta di percorsi paralleli per l'inibizione dei neuroni della fame può essere sfruttata come bersagli per migliori terapie per la perdita di peso.

A nessuno piace essere affamato e in effetti, credo che questo sia uno dei motivi principali per cui la dieta per dimagrire è generalmente così difficile. I nostri dati forniscono una migliore comprensione di come inibire i neuroni della fame nel cervello, magari attivando questi percorsi nell'intestino, così da progettare strategie di perdita di peso piu' efficaci". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli