Chi è Antonio Milia

Antonio Milia
Antonio Milia

Antonio Milia, carabiniere e padre di tre figli, ha ucciso a colpi di pistola Doriano Furceri, il suo comandante, poi si è asserragliato dentro la caserma di Asso. Aveva disturbi psichiatrici ma era stato considerato idoneo per la sua professione.

Antonio Milia, chi è il carabiniere che ha ucciso il suo comandante ad Asso

Antonio Milia, brigadiere di origini sarde che viveva a Como, sposato e con tre figli, ha commesso un terribile omicidio. Il carabiniere ha ucciso a colpi di pistola Doriano Furceri, il suo comandante, per poi asserragliarsi dentro la caserma di Asso insieme al cadavere. In passato era stato ricoverato presso il reparto di Psichiatria dell’Ospedale di San Fermo della Battaglia, a Como, perché era affetto da problemi di disagio psicologico. Successivamente era stato dimesso e posto in convalescenza per alcuni mesi.

Antonio Milia aveva problemi psichiatrici ma era stato giudicato idoneo al servizio

Dopo il ricovero e la convalescenza, il carabiniere era stato giudicato idoneo al servizio da una Commissione Medico Ospedaliera, ente sanitario esterno all’arma, ed era rientrato in servizio da alcuni giorni, dopo un’importante documentazione medico sanitaria fornita da una struttura ospedaliera. Attualmente era in ferie. Non sono ancora chiari i motivi di questo terribile gesto. Non è chiaro se si sia trattato di un raptus o di un regolamento di conti.