Chi è il primo sindaco leghista sardo

webinfo@adnkronos.com
Si chiama Tittino Sebastiano Cau il primo sindaco leghista della Sardegna. Meccanico e agricoltore, 69 anni, Cau è stato eletto a Illorai (Sassari), uno dei nove Comuni dove si era presentata un'unica lista. Pur essendo un militante del Carroccio, Cau si è candidato con una lista civica, "Fermiamo lo spopolamento": a Illorai, paese di 849 abitanti, negli ultimi dieci anni è andato perso oltre il 15% della popolazione. Tra i primi a complimentarsi con Cau il segretario regionale della Lega Eugenio Zoffili: "A Illorai, 849 abitanti, piccolo centro del Goceano festeggiamo il primo sindaco leghista in Sardegna, Tittino Cau - ha scritto su Fb - È una grande soddisfazione per il nostro movimento. Illorai è un paese simbolo della nostra azione politica tra la gente in Sardegna: dai 2000 abitanti degli anni 50, ora purtroppo ridotti a 850 residenti, festeggiamo il nostro primo sindaco leghista, Tittino Cau, meccanico e agricoltore. Da Illorai con il nostro nuovo sindaco parte il progetto della Lega contro lo spopolamento dell’Isola, con iniziative concrete che sottoporremo a tutti i sindaci sardi, al nostro Governatore Solinas e al Governo di Roma”. Complimenti anche dal consigliere regionale del Carroccio Dario Giagoni, che ha postato una foto con Cau, scrivendo: "Sono felice di aver creduto in un uomo che quando si è presentato alla prima riunione della Lega aveva la tuta da meccanico e le mani ancora segnate dal lavoro. Ce l'ha fatta!!! Grande Tittino Cau Sindaco di Illorai. Ora ti auguro buon lavoro amico mio. tvb". Cau ha incassato anche gli auguri del più antico leghista dell'isola: Nenne Scano, primo candidato sindaco del Carroccio in terra sarda in corsa nel 2012 per la poltrona di sindaco a Stintino.

Si chiama Tittino Sebastiano Cau il primo sindaco leghista della Sardegna. Meccanico e agricoltore, 69 anni, Cau è stato eletto a Illorai (Sassari), uno dei nove Comuni dove si era presentata un'unica lista. Pur essendo un militante del Carroccio, Cau si è candidato con una lista civica, "Fermiamo lo spopolamento": a Illorai, paese di 849 abitanti, negli ultimi dieci anni è andato perso oltre il 15% della popolazione. 

Tra i primi a complimentarsi con Cau il segretario regionale della Lega Eugenio Zoffili: "A Illorai, 849 abitanti, piccolo centro del Goceano festeggiamo il primo sindaco leghista in Sardegna, Tittino Cau - ha scritto su Fb - È una grande soddisfazione per il nostro movimento. Illorai è un paese simbolo della nostra azione politica tra la gente in Sardegna: dai 2000 abitanti degli anni 50, ora purtroppo ridotti a 850 residenti, festeggiamo il nostro primo sindaco leghista, Tittino Cau, meccanico e agricoltore. Da Illorai con il nostro nuovo sindaco parte il progetto della Lega contro lo spopolamento dell’Isola, con iniziative concrete che sottoporremo a tutti i sindaci sardi, al nostro Governatore Solinas e al Governo di Roma”. 

Complimenti anche dal consigliere regionale del Carroccio Dario Giagoni, che ha postato una foto con Cau, scrivendo: "Sono felice di aver creduto in un uomo che quando si è presentato alla prima riunione della #Lega aveva la tuta da meccanico e le mani ancora segnate dal lavoro. Ce l'ha fatta!!! Grande Tittino Cau #Sindaco di #Illorai. Ora ti auguro buon lavoro amico mio. #tvb". Cau ha incassato anche gli auguri del più antico leghista dell'isola: Nenne Scano, primo candidato sindaco del Carroccio in terra sarda in corsa nel 2012 per la poltrona di sindaco a Stintino.