Chi è Lady Diana, la principessa del popolo?

Lo sapevi che Lady D era una grande atleta e ballerina? Scopri di più sulla vita della "principessa del popolo". Diana Frances Spencer nasce il 1° luglio a Sardringham, Regno Unito. Figlia di un conte britannico, Lady Di conosce la famiglia reale sin dall'infanzia.

Da ragazza, Diana mostra di avere talento in nuoto, tuffi e danza.

Conosce il Principe Carlo quando frequenta sua sorella maggiore, Sarah. La storia romantica fra Diana e Carlo inizia nel 1980 e, un anno dopo, Carlo si propone. Diana è la prima fidanzata reale a lavorare come assistente in un asilo.

Il 29 luglio 1981, il matrimonio è trasmesso in TV, visto da 750 milioni di persone.

Diana e Carlo hanno due figli: William (nato nel 1982) e Harry (nato nel 1985).

Diana e Carlo non hanno un matrimonio felice ed entrambi hanno relazioni extraconiugali.

Lady D diventa la "principessa del popolo" grazie all'impegno in cause sociali come l'HIV, la guerra e la fame nel mondo.

Nel 1996, dopo diversi scandali, la coppia divorzia, ma lei continua a essere presente sui media.

Impegnata nel sociale, nel 1997 Diana cammina in un campo minato in Angola, per sensibilizzare l'opinione pubblica.

Dopo il divorzio, Diana ha altre due relazioni, con Hasnat Khan e Dodi Fayed.

Il 31 agosto 1997, Diana muore in un incidente d'auto cercando di sfuggire ai paparazzi.

Nell'auto ci sono anche il suo partner, Dodi, l'autista e una guardia del corpo, unico sopravvissuto all'incidente.

La morte di Diana è circondata da teorie cospirazioniste, secondo le quali la principessa sarebbe stata assassinata.

Le teorie principali indicano la corona britannica come mandante del crimine, ma niente è stato provato finora.

Al funerale di Diana hanno assistito milioni di persone, e lei continua a essere un'iconica figura storica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli