Chi è Marco Petrini, il magistrato arrestato a Catanzaro

Chi è Marco Petrini

Marco Petrini, magistrato in servizio alla Corte d’Appello di Catanzaro, è stato arrestato dalla Guardia di Finanzia con l’accusa di corruzione in atti giudiziari: chi è l’uomo e cos’ha fatto per finire in manette insieme ad altre sette persone.

Chi è Marco Petrini

Sono pesantissime le accuse che gravano sul giudice che, secondo i capi d’imputazione, avrebbe accettato soldi, oggetti di valore e prestazioni sessuali per aggiustare sentenze e favorire i clienti delle avvocatesse con cui si consumavano i rapporti.

Ad averlo incastrato sarebbero state le telecamere presenti nei suoi uffici. Gli inquirenti le avevano messe in quanto sospettavano che l’uomo si facesse pagare per dispensare consigli e favori. Gli stessi avevano posto sotto controllo anche il suo telefono. Secondo la Dda di Salerno che si occupa delle indagini, Petrini sarebbe stato consapevole di far parte di un’attività corruttiva. Avrebbe infatti offerto coscientemente il suo appoggio in diversi processi, civili e penali. Nn solo, anche agevolazioni ai praticanti avvocati che si apprestavano a fare il concorso. Il magistrato avrebbe inoltre interferito anche nelle cause tributarie, dato che svolgeva l’incarico di presidente della Commissione provinciale tributaria di Catanzaro.

Dall’analisi dei filmati ripresi dalle telecamere si è però dedotto che ciò avvenisse non solo in cambio di denaro ma anche di rapporti sessuali. Sarebbero almeno sedici, secondo gli atti, quelli che si sarebbero consumati in soli cinque mesi, da febbraio a giugno 2019. Il medesimo tribunale che ha incastrato Petrini svolgerà ora le indagini su tre avvocatesse, tra cui una arrestata, per verificare l’ipotesi di corruzione sessuale ai loro danni.