Chi è Vinicio Capossela: curiosità sul cantautore italiano

Chi è Vinicio Capossela: curiosità sul cantautore italiano

Vinicio Capossela è un cantautore italiano, nome di punta della scena musicale italiana. È uno degli artisti con maggior numero di premi e di riconoscimenti del Club Tenco.

Vinicio Capossela

Nasce il 14 dicembre 1965 a Hannover. Cresce in Germania, per poi trasferirsi, con la famiglia, in Emilia Romagna. Appassionato di musica fin da bambino, viene notato da Francesco Guccini. Agli inizi del 1990 esce il suo primo album di esordio “All’una e trentacinque circa” e l’anno seguente esce il secondo album “Modì”.

Il cantautore ottiene un notevole successo, e le sue canzone vengono usate anche come colonne sonore di alcuni film, come “Non chiamarmi Omar” e “Tre uomini e una gamba”. Nel 1996 esce l’album della svolta “Il ballo di San Vito”, considerato molto più letterario, rispetto a quelli precedenti. Nel 2000 pubblica l’album di successo “Canzoni a manovella”. Durante il 2006 pubblica il sesto album della sua carriera “Ovunque proteggi” che ottiene un ottimo successo di critica e di vendita. Dal 2009 è impegnato in diversi concerti benefici e memoriali, tra cui il concerto a Cracovia per la Giornata della Memoria e al concerto per le vittime colpite dal terremoto in Abruzzo.

Il 17 maggio 2019 il cantautore ha pubblicato il suo undicesimo album “Ballata per uomini e bestie”, riscuotendo un grande successo.

Vita privata

Vinicio Capossela è molto riservato sulla sua vita personale, di cui infatti non si sa molto. Nel 1994 ha sposato una fotomodella americana, da cui però ha divorzio dopo due anni. Di questa relazione però il cantautore non ne parla. Nel 1998 è stato vittima di un incidente stradale, che l’ha tenuto lontano dal palco per 40 giorni. Durante il 2016 ha subito anche un intervento alle corde vocali.

Premi

Il cantautore è tra i più premiati degli artisti musicali italiani. Durante la sua carriera ha ricevuto quattro Targa Tenco, di cui una vinta con l’ultimo album pubblicato, e il Premio Tenco alla carriera . Ha vinto anche il Premio Amnesty Italia nel 2009 e due anni dopo riceve il Premio De André alla carriera.

Curiosità

Il suo nome è in onore del celebre fisarmonicista Vinicio, di cui il padre era un fan. Ha rivelato, che da bambino, la sua famiglia non aveva molti soldi, e quindi gli compravano spesso abiti più grandi della sua misura. Capossela è un appassionato di strumenti musicali, e da piccolo disegnò su una lastra di legno una tastiera, fingendo di suonarla. Il cantautore si è anche cimentato nella scrittura di alcuni libri, tra cui i più importanti “Non si muore tutte le mattine” e “Il paese dei coppoloni”. Ha fatto anche da comparsa in alcuni film, tra cui “Non chiamarmi Omar”. Capossela è anche attivo sui social, ha infatti un profilo Instagram su cui pubblica scatti dei suoi concerti e della sua vita quotidiana.