Chi è Alessia Pifferi, la mamma della bimba morta di stenti a Milano

Chi è Alessia Pifferi, la mamma della bimba morta di stenti a Milano (Foto Facebook)
Chi è Alessia Pifferi, la mamma della bimba morta di stenti a Milano (Foto Facebook)

Impossibile attenuare l'indignazione e la rabbia per la morte della piccola Diana, la bambina di 18 mesi che la madre ha abbandonato in casa per 6 giorni. Chi è Alessia Pifferi, la mamma della vittima?

VIDEO - Catania, Elena uccisa a 5 anni dalla mamma

Diana Pifferi, 18 mesi, è morta di stenti. Accanto al suo corpo senza vita solo un biberon e un tranquillante. A scrivere il suo tragico destino, così ingiusto e crudele, è stata la madre Alessia, che ha preparato due trolley ed è partita per Leffe (Bergamo), per andare a trovare il compagno. Tornò persino a Milano, ma nessuna intenzione di passare per casa a prendere la figlia. Al compagno, al contrario, aveva detto che la bambina di trovava al mare con una parente. "Ma non era al mare con tua sorella?", ha detto incredulo dopo aver appreso la tragica notizia.

LEGGI ANCHE: Bimba sola in casa e morta di stenti, pm: "Madre pericolosa, senza scrupoli"

Diana era nata proprio nella casa del compagno di Alessia, un elettricista di 58 anni. Il parto, al settimo mese di gravidanza, pare fosse inaspettato: "Non sapevo neanche di essere incinta", ha detto la donna alla polizia, che tuttavia non crede alle sue parole. Per gli inquirenti, infatti, la donna sapeva della gravidanza almeno dal terzo mese. Diana è nata nel bagno della casa di Leffe e con lei era arrivata la fine della relazione tra Alessia e l'elettricista, salvo riavvicinarsi la scorsa primavera.

Pare che la mamma di Diana l'avesse già lasciata sola, lo scorso maggio, "solo per poche ore". Per Alessia Pifferi, la bimba "era un peso" e lei "voleva riprendersi la sua libertà". Intanto gli investigatori della Squadra Mobile, diretti da Marco Calì, e coordinati dal pm Francesco De Tommasi, stanno analizzando le chat trovate nel telefonino della donna, che pare stesse frequentando altri uomini conosciuti tramite le app di incontri.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli