Chi è Elisabetta Belloni, prima donna a capo dei servizi segreti

·2 minuto per la lettura
Elisabetta Belloni
Elisabetta Belloni

Elisabetta Belloni è la prima donna a capo dei servizi segreti in Italia. Il premier Mario Draghi ha chiuso l'era di Gennaro Vecchione nominando al Dis (Dipartimento Informazioni per la Sicurezza) colei che finora è stata alla guida della Farnesina (al suo posto subentra l’ambasciatore Ettore Sequ). La nomina di Belloni segue quella di Franco Gabrielli e dei direttori delle agenzie operative: Giovanni Caravelli all’Aise e Mario Parente all’Aisi.

Ma chi è Elisabetta Belloni? Romana, 63 anni da compiere a settembre, da maggio 2016 era alla guida della macchina della Farnesina, prima donna segretario generale del ministero degli Esteri. Studentessa al liceo Massimo di Roma, lo stesso dove ha studiato Mario Draghi, laureata in scienze politiche alla Luiss nel 1982, è entrata in carriera diplomatica nel 1985, ricoprendo incarichi, tra gli altri, a Vienna e Bratislava. Nel 2004, anche in questo caso prima donna a ricoprire questo ruolo, viene nominata capo dell'Unità di crisi della Farnesina, gestendo, tra le varie emergenze, i rapimenti di italiani in Iraq e in Afghanistan e lo tsunami nel sud-est asiatico.

Dal 2008 al 2012 è stata direttore generale per la Cooperazione allo sviluppo e poi dal 2013 al 2015 ha assunto le funzioni di direttore generale per le Risorse e l'innovazione. Promossa ambasciatore di grado nel 2014, nel 2015 è stata capo di gabinetto dell'allora ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. 

Negli anni il nome di Elisabetta Belloni era più volte circolato come ministro degli Esteri, come capo del Dis, ma anche, nel 2018, come presidente del Consiglio scelta da Sergio Mattarella.

Belloni parla quattro lingue (inglese, francese, spagnolo, tedesco) ed è vedova dell’ambasciatore Giorgio Giacomelli, morto a febbraio del 2017.

GUARDA ANCHE - Perché i servizi segreti tedeschi possono spiare l'estrema destra dell'Afd

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli