Chi era Filippo Gilberti, morto dopo un malore avuto il giorno del suo 14esimo compleanno?

Calcio
Calcio

Filippo Gilberti era il nome del 14enne morto cinque giorni dopo aver accusato un malore sul campo da calcio di Verolavecchia (Brescia). La Procura di Brescia ha aperto un’inchiesta a carico di ignoti con l’accusa di omicidio colposo.

Gli inquirenti non hanno disposto l’autopsia, in quanto è stato accertata la morte naturale, ma proveranno a capire se e come questa avrebbe potuto essere evitata. I Carabinieri raccoglieranno tutta la documentazione per ricostruire l’episodio.

Filippo Gilberti ha avuto il malore il giorno del suo 14esimo compleanno

Filippo Gilberti era tornato in campo il giorno in cui ha avuto il malore, lo stesso del suo 14esimo compleanno, dopo un periodo di stop. Il ragazzo aveva tanto atteso quella giornata, data la sua passione per il calcio e per lo sport. La sua avrebbe dovuto essere una prova, non una partita.

Durante la prova, Filippo Gilberti avrebbe avuto un attacco di ansia prima di andare in arresto cardiocircolatorio. Una volta visto il figlio stare male, i suoi genitori, che lo stavano guardando dagli spalti, sono immediatamente scesi in campo.

I genitori hanno disposto la donazione degli organi

Il ragazzo è stato portato con urgenza all’ospedale in elicottero e ricoverato nel reparto di terapia intensiva pediatrica, ma per lui non c’è stato nulla da fare. I genitori hanno dato il consenso per donare gli organi di Filippo.

Il Consiglio ha osservato un minuto di silenzio

La sindaca del comune ha ricevuto la notizia della morte di Filippo Gilberti durante il Consiglio comunale e chiesto di rispettare un minuto di silenzio come segno di vicinanza alla famiglia.

Leggi anche: Bergamo, lavorava nella ditta di famiglia: Giorgia Manenti è morta a 25 anni