Chi l'ha visto, si torna a parlare del caso Domenico Manzo

Chi l'ha visto Manzo
Chi l'ha visto Manzo

È passato un anno e mezzo da quando Domenico Manzo, per tutti “Mimì”, ha fatto perdere le proprie tracce, ma gli interrogativi aumentano di giorno in giorno: che gli è successo? Ora le immagini mostrate dalle telecamere nel corso della puntata di Chi l’ha visto del 6 luglio, potrebbero portare a dei risvolti importantissimi.

Chi l’ha visto, le immagini delle telecamere mostrano cosa faceva Domenico Manzo nella sera della scomparsa

Sono le 21.50 quando Domenico Manzo viene ripreso da una telecamera privata, mentre percorre un tratto in direzione della basilica dell’Annunziata. Di lì a qualche minuto lo riprenderà la telecamera di un ristorante posto nelle vicinanza ed è da quel momento che scattano gli interrogativi. Dopo essersi diretto verso il ristorante, gira e prosegue verso la stazione. L’amico Giusepppe ai microfoni di Chi l’ha visto spiega: “Non faceva niente, camminava con le mani in tasca. Poi lo abbiamo visto davanti al ristorante, fermarsi e poi girarsi dietro alla stazione. Non abbiamo più visto nulla”.

Poco dopo infatti Mimì esce dal raggio d’azione della telecamera del ristorante. L’incrocio posto tra la basilica dell’Annunziata a sinistra e la stazione a destra potrebbe risultare determinante per ricostruire ciò che è successo. L’uomo potrebbe aver cambiato idea e dall’area della stazione potrebbe aver girato per dirigersi verso la basilica. Mimì smette di essere visibile all’occhio delle telecamere intorno alle ore 22.

Il percorso fatto da Loredana e Alfonso

Il quadro però si completa se si va a guardare parallelamente il percorso fatto dal t-roc di Loredana, che dichiara di aver investito un cane e Alfonso poi. Proprio l’auto di quest’ultim poco più tardi si recherà nella zona della basilica.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli