Chi può beneficiare del reddito di emergenza?

reddito emergenza requisiti

Il decreto Rilancio prevede, tra le altre misure, l’erogazione di un reddito di emergenza suddiviso in due quote da 400 e 800 euro: l’Inps ha chiarito quali sono i requisiti di cui i potenziali beneficiari devono godere per poter farne richiesta.

I requisiti per beneficiare del reddito di emergenza

Per poter richiedere la quota, prevista per venire incontro ai nuclei familiari in difficoltà a causa dell’emergenza coronavirus, è necessario allegare una Dichiarazione sostituiva unica (Dsu) valida. L’Inps non considererà valide le domande che non ce l’hanno in allegato. In tal caso sarà quindi necessario presentare una nuova Dsu valida e una nuova domanda per accedere alla misura.

La Dichiarazione sostitutiva unica è una certificazione contenente informazioni anagrafiche, reddituali e patrimoniali del nucleo familiare. Dati in parte autodichiarati e in parte acquisiti dall’Agenzia delle Entrate e dall’Inps. La Dsu è valida dal momento della dichiarazione fino al 31 dicembre dell’anno di presentazione. É compilabile al Comune, nei Caf, nei patronati o sul sito dell’Inps.

Tra gli altri requisiti per poter accedere al reddito vi sono:

  • essere residenti in Italia;
  • possedere un valore del reddito familiare ad aprile 2020 inferiore al beneficio;
  • avere un patrimonio mobiliare nel 2019 inferiore a 10 mila euro, che può aumentare di altri 5 mila euro per ogni componente aggiuntivo fino ad un massimo di 20 mila;
  • avere un Isee, attestato dalla Dsu, inferiore a 15 mila euro.

La cifra erogata va da un minimo di 400 euro per nuclei formati da un solo componente ad un massimo di 800 in presenza di tre adulti e due minori. Qualora un adulto abbia una grave disabilità certificata, l’importo può salire a 840 euro.

Come richiedere il reddito di emergenza

Per poter presentare la domanda è necessario recarsi nei centri di assistenza fiscale, negli istituti di patronato oppure direttamente sul sito dell’Inps. La richiesta deve essere fatta entro il 30 giugno e, una volta accettata, la cifra verrà erogata per due mensilità a decorrere dal mese di presentazione.