Chi sono le vittime del Covid tra i vaccinati? Tutti i dati del report dell’ISS

·1 minuto per la lettura
Covid
Covid

L’Istituto superiore di sanità ha annunciato i dati in merito ai morti per Covid-19 nel periodo da giorno 1 febbraio al 5 ottobre 2021. Le vittime causate dal Coronavirus sono 23 volte più alte tra le persone non hanno aderito alla campagna vaccinale contro il Covid.

Vittime Covid-19, i dati dell’Iss tra vaccinati e non vaccinati

Il quadro offerto dall’Iss analizza i dati dei poco più di 38mila decessi avvenuti in questo frangente in Italia a causa del virus. La maggior parte (oltre 33mila) non aveva ricevuto nemmeno una dose di vaccino, poco più di 1.400 sono invece i decessi dopo il ciclo completo (3,7% del totale nel periodo analizzato).

Vittime Covid-19, i dati dell’Iss tra vaccinati e non vaccinati: i numeri della mortalità

Si tratta di una differenza importante tra vaccinati e non vaccinati: sono 23 volte più alti i numeri di chi muore non avendo aderito alla campagna vaccinale contro il Coronavirus. I dati sono stati diffusi dopo aver valutato un campione di 671 cartelle cliniche relative a persone decedute nel periodo 1 febbraio-5 ottobre 2021. Nei vaccinati deceduti sarebbe alta la presenza di demenza senile, cancro e varie forme di problemi cardiopatici.

Vittime Covid-19, i dati dell’Iss tra vaccinati e non vaccinati: le differenze

Le persone vaccinate e decedute hanno un’età media secondo l’Iss, almeno nel periodo analizzato, superiore agli 85 anni. Scende invece a 78,3 in quelli non vaccinati. Sono oltre 130mila le vittime dall’inizio della pandemia, l’1,2% del totale erano under 50 (1.601), 399 under 40, 15 nella fascia 0-9 anni, 20 in quella 10-19 e 76 nella 20-29.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli