Ecco chi sono i poveri in Italia

L'Istat ha lanciato l'allarme due giorni fa. Nel nostro Paese i poveri sarebbero oltre 8 milioni, l'11% delle famiglie italiane, con 3,5 milioni di connazionali in stato di povertà assoluta. Ma ci possiamo fidare di questi numeri? Chi sono, davvero, i poveri italiani?

Cosa è la povertà? L'Istat ha dichiarato, dunque, che oltre 8 milioni di italiani vive in uno stato di povertà relativa. Cosa significa? Significa non che siano poveri, ma che vivano con un reddito inferiore a quello della media nazionale. Che, nel caso di una famiglia di due persone, vuol dire una spesa mensile di circa 1.000 euro. Ma con mille euro si è poveri? E chi è povero con questa spesa media? Di sicuro va differenziata la zona territoriale di residenza, perché le spese nelle metropoli sono superiori che nei piccoli comuni, così come il costo della vita al Nord è maggiore che al Sud. Poi bisogna capire se questi nuclei familiari hanno una casa di proprietà o se nei 1.000 euro vanno conteggiati mutuo o affitto. Sicuramente una coppia di giovani under 40, precari, in una grande città con una casa ancora da pagare vivono in uno stato di povertà relativa con 1.000 euro al mese. Ben diversa la situazione per una coppia con lavoro fisso, casa di proprietà già pagata e, magari, in un piccolo centro di periferia. Insomma, c'è povertà e povertà e, forse, gli 8 milioni di italiani poveri andrebbero ridimensionati.

Il povero che evade. In ogni caso, per l'Istat il 5,3% delle famiglie italiane vive in uno stato di povertà assoluta, cioè ha un reddito mensile inferiore ai 1.000 euro circa, sempre per una coppia senza figli. Che scende a poco più di 750 euro nel Meridione. Ma, anche qui, tutto è relativo. Se le cifre effettivamente mostrano uno stato lavorativo e di guadagno al limite della sopravvivenza, bisogna ricordare che i dati Istat non possono scindere i redditi reali da quelli dichiarati. Vanno, dunque, considerati gli ampi margine d'errore dell'Istituto di statistica derivati dal lavoro in nero, molto forte al Sud, dove la povertà assoluta risulta infatti più elevata; l'evasione e l'elusione fiscale – è quotidiano l'aggiornamento dei falsi nullatenenti scoperti dalla Guardia di Finanza -, così come i falsi invalidi. Insomma, anche qui le cifre appaiono esagerate e, forse, la soglia di povertà assoluta in Italia coinvolge un numero di residenti ben inferiore a quelli che la stampa ha strillato sulle prime pagine nelle ultime 48 ore.


Yahoo! Notizie - Tra evasori e povertà, storie italiane

Siamo più poveri. Forse, però, al di là dei numeri statistici, quello che realmente rende percepibile la povertà è lo stile di vita. Escludendo dal computo i “veri poveri”, cioè quelle persone la cui povertà assoluta è tale da non permettere loro di raggiungere il livello minimo di sopravvivenza, che mette in pericolo la loro stessa vita ed esistenza, ed escludendo i “falsi poveri”, cioè quelle categorie già elencate prima, di evasori e lavoratori in nero, resta una fascia di italiani che negli ultimi 20 anni si è ritrovata se non povera, almeno più povera. Si tratta di quella fascia, che purtroppo coinvolge la stragrande maggioranza degli italiani nati dagli anni '70 in poi, che hanno visto precipitare la propria capacità di spesa. Sono quelle famiglie italiane che sono obbligate a fare i conti in tasca non solo per le spese più superflue, ma anche per quelle necessarie, anche se non fondamentali per la sopravvivenza. I sintomi di questo cambiamento economico è, principalmente, culturale. La riscoperta del baratto, con molti negozi di vestiti usati che aprono in tutte le città; una vita più frugale e la rinuncia a quei piaceri che, fino a pochi anni fa, apparivano scontati e ovvi.

Insomma, forse non saremo come dice l'Istat 8 milioni di poveri, ma di certo la soglia del benessere si è drasticamente abbassata, con l'italiano medio che si sta, suo malgrado, abituando a fare sacrifici. E che vive con più paura, rispetto alle generazioni che ci hanno preceduto, con maggior paura e meno ottimismo il futuro. Questo, forse, più che i soldi che mancano, ha reso gli italiani del nuovo millennio più poveri.

Ricerca

Le notizie del giorno