Chiambretti di nuovo positivo al Covid dopo la terza dose: "Resto un sì vax"

·1 minuto per la lettura
STADIO OLIMPICO GRANDE TORINO, TURIN, ITALY - 2020/11/30: Piero Chiambretti attends the Serie A football match between Torino FC and UC Sampdoria. The match ended 2-2 tie. (Photo by Nicolò Campo/LightRocket via Getty Images) (Photo: Nicolò Campo via LightRocket via Getty Images)
STADIO OLIMPICO GRANDE TORINO, TURIN, ITALY - 2020/11/30: Piero Chiambretti attends the Serie A football match between Torino FC and UC Sampdoria. The match ended 2-2 tie. (Photo by Nicolò Campo/LightRocket via Getty Images) (Photo: Nicolò Campo via LightRocket via Getty Images)

″È stato un brutto colpo”. Piero Chiambretti è di nuovo positivo al Covid nonostante le tre dosi di vaccino e racconta a Corriere della Sera

“Due anni fa mi ha fatto stare per quindici giorni in ospedale, tra la vita e la morte, portandosi via mia mamma”.

Poi spiega:

“Avevo sintomi precisi: mal di gola insistente, forte emicrania. Quindi, nonostante un primo tampone negativo al mattino, ho voluto farne un altro la sera, diverso, che intercettasse questa variante, ed ero positivo”.

Nonostante la paura rimane un convinto sì vax:

“Tutto è successo a pochi giorni dalla terza dose. Ma rimango un convinto si vax: come hanno spiegato quelli bravi e anche quelli meno bravi, il vaccino ti permettere di resistere a un attacco virale così forte che ti manda in ospedale. Mia madre sarebbe andata a piedi scalzi a farsi vaccinare e tutto sarebbe stato diverso”.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli