Chiara Ferragni, la risposta di Ats alle dichiarazioni dell'influencer

·1 minuto per la lettura
ATS, Chiara Ferragni
ATS, Chiara Ferragni

Giorni fa, la celebre influencer e imprenditrice Chiara Ferragni aveva segnalato qualcosa che le era sembrato “sospetto” per quanto riguarda la vaccinazione di Luciana, la nonna di suo marito Fedez. Ferragni aveva, infatti, affermato che la chiamata per l’iniezione era arrivata solo dopo che lei stessa aveva parlato della situazione vaccini in Lombardia in una sua story di Instagram. Ats Città Metropolitana di Milano ha ora risposto a tali dichiarazioni.

Chiara Ferragni, Ats risponde alle dichiarazioni della influencer

Ats ha rilasciato un rapido comunicato. In esso ha spiegato che, al momento della chiamata, non è stato domandato alla donna se fosse “la nonna di Fedez“.

Inoltre, nella nota si legge che Luciana “ha omesso il Comune di residenza” nel documento da completare per prenotarsi. Da ciò che viene scritto, sembrerebbe anche che quest’ultimo aspetto venga dato implicitamente come spiegazione per il fatto che la donna non sia stata chiamata prima.

Inoltre, l’ente ha specificato che “La somministrazione offerta oggi alla signora citata da Chiara Ferragni è avvenuta anche per altri cittadini”. Oltre a ciò, ha dichiarato che arrivano “ogni giorno decine di segnalazioni in merito a cittadini over 80 che non sono stati ancora convocati per la vaccinazione anti Covid”.

Nel comunicato Ats ha spiegato pure che “nella maggior parte di casi si tratta di disguidi dovuti ad errori nella compilazione della domanda”. Ha poi rassicurato sul fatto che “tutte queste persone vengono contattate telefonicamente e convocate per la somministrazione”. Inoltre, “si sta concludendo la fase della campagna dedicata alla categoria over 80, quindi si stanno compiendo le ultime verifiche per recuperare tutti coloro che hanno aderito”.