Chiara Ferragni sugli haters: “Iscritti ai social solo con documento”

chiara ferragni

Chiara Ferragni è intervenuta su Sky Tg24 e ha espresso il suo giudizio sulla proposta fatta dal deputato di Italia Viva Luigi Marattin per cercare di contrastare il fenomeno degli haters. Nello specifico, l’uomo crede che gli odiatori seriali possano essere arginati chiedendo un documento d’identità a chiunque decide di iscriversi sui social. Cosa ne pensa la moglie di Fedez?

Chiara Ferragni e gli haters

Chiara Ferragni, fin dalla sua comparsa nel mondo virtuale, ha sempre avuto a che fare con gli haters. Sono molti quelli che ogni giorno la offendono e lei, nella maggior parte dei casi, reagisce sfoderando il suo sorriso migliore. Per sua stessa ammissione, lei è abituata “ai commenti degli haters” e di solito la fanno “sorridere”, tanto che sono nate numerose pagine social dedicate alle risposte esilaranti che lei riserva loro Allo stesso tempo, però, Chiara ha ammesso che alcuni messaggi sono “così pieni di odio e stupidità che in qualche modo mi scioccano ancora”. Insomma, anche se alle frasi dei leoni da tastiera ci si può fare l’abitudine, alcune parole che utilizzano restano comunque sconcertanti. La Ferragni ha sempre esortato i suoi fan ad utilizzare l’amore e a buttare via l’odio: “L’amore è tutto ciò di cui abbiamo bisogno per essere felici. L’amore per noi stessi, poi per e da le persone che contano nella nostra vita. Quindi, ogni volta che vedete odio intorno a voi sorridete e dite: ‘Fot*etevi haters, io scelgo l’amore’”. La moglie di Fedez non si fa di certo abbattere dagli odiatori seriali, ma ha voluto esprimere la sua idea in merito alla proposta avanzata dal deputato di Italia Viva Luigi Marattin per cercare di contrastare questo dilagante fenomeno.

Il pensiero della Ferragni

Nel corso di un intervento su Sky Tg24, Chiara si è espressa sulla proposta di Marattin che vorrebbe chiedere un documento d’identità o il codice fiscale a chiunque decide di iscriversi sui social. La Ferragni ha dichiarato: “Il fatto di essere facilmente raggiungibili e identificabili renderebbe le persone molto meno vogliose di cospargere gli altri di odio. Quindi potrebbe essere una buona soluzione”. Nonostante tutto, Chiara crede che anche questa proposta non riuscirebbe ad arginare l’odio di tante persone. La mamma del piccolo Leone, anche lui attaccato spesso su Instagram, ha dichiarato: “Il fenomeno degli haters purtroppo c’è e ci sarà sempre. Speriamo che diminuisca in quantità ma non mancherà mai qualcuno che scriverà un commento maligno. La cosa più importante è vivere come se questi commenti non esistessero. Dare valore a queste persone vuole dire dar loro ragione. Se non esistono nella tua mente, non esistono nella tua vita. Non facciamoci mai abbattere dagli haters. Se io mi fossi abbattuta per i tanti commenti di hater che ricevevo all’inizio della mia carriera, mi sarei scoraggiata e non avrei fatto niente di quello che poi ho fatto in questi anni”. La bella Chiaretta combatte ogni giorno contro i leoni da tastiera e forse ha ragione lei: l’unica soluzione è quella di non calcolare queste zucche vuote perché altrimenti li rendiamo solo più forti e, in un certo senso, legittimiamo la loro esistenza.