1 milione di euro per festeggiare: David Luiz compra chiavi extra-lusso

1 milione di euro per Conte, Abramovich e i compagni: spesa esagerata di David Luiz per delle chiavi extra-lusso, una forgiata da un meteorite.

Una vittoria meritatissima, un grandioso cammino dall'estate alla primavera. Il Chelsea di Antonio Conte è Campione d'Inghilterra 2016/2017, con il titolo nuovamente a Londra dopo l'annata 2015/2016 vinta dal Manchester City. Festeggiamenti a Stamford Bridge, per le strade della capitale inglese, champagne, canti e regali.

Un regalo veramente speciale quello fatto da David Luiz, difensore del Chelsea, a compagni di squadra, allenatore e presidente. Il brasiliano, infatti, ha speso più di un milione di euro per festeggiare il titolo: dono extra-lusso per Conte, Abramovich, Hazard e il resto della squadra vincitrice della Premier.

Luiz ha infatti acquistato 30 chiavi lussuossime per le vetture dei compagni di squadra, di Conte e di Abramovich: per quest'ultimo la chiave è ulteriormente in edizione limitata, vista la forgiatura da un meteorite di 4,9 miliardi di anni più vecchio della terra stessa.

Ogni chiave, che ha l'aspetto di un braccialetto, può essere collegata ad una gamma di auto di lusso e sblocca la vettura in modalità wireless interagendo con il sofisticato sistema di macchine come Bugatti, Ferrari, Mercedes. Per ognuna serve un lavoro di 70 ore, con materiali su misura, dalla fibra di carbonio a pelli animali. Per non farsi mancare niente, David Luiz ha personalizzato la sua chiave-braccialetto con oro e 198 diamanti neri, oltre alla scritta 'Dio è grande, DL'.

I prezzi per questo tipo di chiavi, prodotti dalla Senturion, partono da circa 40.000 euro, ma in caso di edizioni speciali come quelle di David Luiz e Abramovich, le cifre si aggirano dai 100.000 euro in su. Questo e altro per chi guadagna cifre incredibili e riceverà ulteriori premi per la vittoria della Premier League.

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità