Chiede la grazia per il marito gioielliere in carcere per aver ucciso due rapinatori

Carabinieri

AGI - "Mi chiamo Maria Angela Distefano, moglie di Guido Gianni. Il 18 febbraio 2008 tre rapinatori, a mano armata e con il passamontagna, assaltano la gioielleria di famiglia a Nicolosi, un paesino alle pendici dell'Etna, percuotendomi, strappandomi i capelli, poggiandomi una pistola sul cuore, minacciando di ucciderci tutti e devastando il negozio".

Inizia così la petizione lanciata da Maria Angela Distefano, per sollecitare la grazia per il marito Guido Gianni che sparò e uccise due dei tre rapinatori che fecero irruzione nel suo negozio e che sta scontando 13 anni in carcere.

L'inchiesta accertò che l'uomo sparò alle spalle dei criminali. La sottoscrizione lanciata su Change.org, e indirizzata al presidente della Repubblica e alla ministra della Giustizia, ha raggiunto quasi 10 mila firme.

"Altri rapinatori, appartenenti alla criminalità organizzata - ricorda Maria Angela Distefano - rimasero appena fuori. Guido ha difeso me, la sua vita, quella di un cliente e la nostra attività commerciale. Ed è per questo che ritengo che non possa pagare per la malvagità dei suoi assalitori. Guido è un marito e padre modello, dedito alla famiglia e ligio al dovere. Non merita di stare in carcere, quel luogo non gli appartiene. Mio marito e' un artista a cui piace creare, non distruggere. La difesa è sempre legittima. Chiedo che il presidente della Repubblica gli conceda la grazia per consentirgli di tornare subito alla sua famiglia". 

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli