Chiesa, Mons. Lambiasi: nuova stagione di risveglio nei giovani

Pat

Rimini, 18 ago. (askanews) - "Il mondo non ha bisogno di cristiani affetti da balconite acuta, o sdraiati in una pigra divanite". Non si può essere "cristiani per interesse, solo per dovere". Sono le parole che il vescovo di Rimini, Francesco Lambiasi, ha utilizzato per indicare il necessario slancio missionario dei cristiani e una "stagione di risveglio" per la chiesa e per i giovani. La messa celebrata alla fiera del capoluogo romagnolo ha dato il via al Meeting di Comunione e liberazione che festeggia i 40 anni dal titolo "Nacque il tuo nome da ciò che fissavi".

"Viviamo una stagione di risveglio - ha spiegato mons. Lambiasi nella sua omelia -. Lo Spirito Santo ha ripreso a soffiare forte. Molti giovani sono stanchi di un cristianesimo annacquato, doveristico, abitudinario" e "sono convinti che con la fede non si può andare in automatico". Quindi "sognano di poter fare l'esperienza viva, di un Gesù vivo, in una chiesa viva, un'esperienza di santità, una parola che non spaventa più".

(segue)