Chiesti 8 anni di carcere per Nunzia De Girolamo: "Sono devastata, per gli omicidi chiedono di meno"

Claudio Paudice
·Giornalista, L'HuffPost
·2 minuto per la lettura
(Photo: NurPhoto via Getty Images)
(Photo: NurPhoto via Getty Images)

“Come sto? E come sto dopo una richiesta di carcere per una vicenda come questa? Anche se non ho fatto nulla di cui avere paura, sono devastata solo a leggere la richiesta del pubblico ministero”. Sono le parole di Nunzia De Girolamo raccolte dal Corriere della Sera sulla richiesta di condanna da parte della procura per l’inchiesta sulle consulenze all’Asl di Benevento. “Si rendono conto di quanti sono otto anni e tre mesi? Avessi ucciso una persona me la sarei cavata con richieste minori… L’assassino di Vannini al primo processo di appello aveva preso cinque anni…”.

Quando il pm Assunta Tillo ha pronunciato le richieste di condanna, neppure gli occhiali da sole scuri hanno schermato le lacrime di Nunzia De Girolamo. 8
anni e 3 mesi di reclusione la richiesta per l’ex ministro dell’Agricoltura che è comparsa di fronte ai giudici del tribunale di Benevento insieme ad altri 7 imputati per rispondere di associazione per delinquere, concussione e utilità per ottenere il voto elettorale. L’inchiesta riguarda la gestione di appalti e consulenze esterne da parte dell’Asl di Benevento, per la quale, secondo il gip Flavio Cusani, che dispose l’imputazione coatta per l’ex parlamentare del Nuovo Centro Destra, e prima ancora di Forza Italia, De Girolamo sarebbe stata organizzatrice e promotrice di un direttorio politico partitico che avrebbe condizionato nomine e appalti.

L’inchiesta risale a sei anni fa e con Nunzia De Girolamo sono imputati anche gli ex stretti collaboratori Luigi Barone, attuale presidente del consorzio Asi di Benevento, per il quale il pm ha chiesto 6 anni e 9 mesi di reclusione con l’interdizione dall’incarico che ricopre, e Giacomo Papa, da condannare, secondo l’accusa, sempre a 6 anni e 9 mesi. Identica richiesta anche per l’ex direttore generale dell’Asl Michele Rossi. Per l’ex direttore amministrativo Felice Pisapia, che consegnò una serie di registrazioni di colloqui avvenuti in casa dell’ex ministro, chiesti 3 anni e 4 mesi di carcere. Per l’ex direttore sanitario Gelsomino Ventucci 2 anni e 3 mesi e 2 anni e 8 mesi di reclusione per l’ex responsabile del budgeting Arnaldo Falato. Chiesta anche l’assoluzione per il sindaco di Airola Michele Napoletano. “Sono stata zitta per otto anni, continuo a restare in silenzio perchè sono innocente”. Queste le uniche parole di Nunzia De Girolamo, all’uscita del tribunale.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.