Denis Bergamini: chiesto processo per ex fidanzata del calciatore

Primo Piano
·1 minuto per la lettura
(Photo by Andrea Pirri/NurPhoto via Getty Images)
(Photo by Andrea Pirri/NurPhoto via Getty Images)

La Procura della Repubblica di Castrovillari ha chiesto il rinvio a giudizio di Isabella Internò, indagata per l’omicidio dell'ex fidanzato, il calciatore del Cosenza Donato "Denis" Bergamini, morto il 18 novembre 1989 sulla statale 106 all'altezza di Roseto Capo Spulico.

Secondo l’accusa la donna era così ossessionata dal fidanzato da arrivare ad ucciderlo dopo che la relazione si era chiusa. Per questo è accusata di concorso in omicidio aggravato dalla premeditazione e dai motivi abietti e futili. L'udienza davanti al gup è stata fissata per il 2 settembre prossimo.

GUARDA ANCHE: Caso Bergamini, ancora mistero sul finto sucidio del calciatore: c'è un terzo indagato

La Procura ritiene che Bergamini non si suicidò buttandosi sotto un camion, come ipotizzato in un primo momento. Il calciatore sarebbe stato narcotizzato, soffocato e lasciato sull’asfalto allo scopo di farlo investire da un mezzo di passaggio. Il suo corpo venne effettivamente investito da “un autocarro condotto da Raffaele Pisano", come si legge nel capo d’imputazione. Quest'ultimo era stato assolto dall'accusa di omicidio colposo perché la morte di Bergamini era stata attribuita a un suicidio.

In questa nuova inchiesta, secondo l'accusa, sarebbe stata Isabella Internò a uccidere Bergamini perché non accettava la decisione presa dal calciatore di interrompere la relazione con lei.

GUARDA ANCHE: Lady Gaga sarà Lady Reggiani. La star sbarca in Italia per il film "Gucci" di Ridley Scott