China Evergrande in trattative con consorzio Xiaomi per vendita quota unità EV

·1 minuto per la lettura
Vista del China Evergrande Centre ad Hong Kong

HONG KONG/SHANGHAI (Reuters) - La società immobiliare cinese in difficoltà Evergrande Group è in trattative con il produttore di smartphone Xiaomi e società di investimento finanziate dallo stato di Shenzhen per la vendita di parte di una quota del 65% nella sua unità per la produzione di veicoli elettrici (Ev).

Lo hanno riferito tre fonti.

Il gruppo Evergrande New Energy Vehicle (NEV) al momento ha una capitalizzazione di mercato di 12,5 miliardi di dollari e una delle fonti ha detto che il consorzio sta cercando di acquistare una quota di minoranza significativa.

Evergrande, Xiaomi e il regolatore patrimoniale statale di Shenzhen non hanno risposto alle richieste di commento.

Secondo le fonti, i colloqui sono in una fase iniziale e soggetti a modifiche.

La società ha dichiarato la scorsa settimana di essere in trattative con diversi investitori indipendenti di terze parti in merito alla proposta di vendita di alcuni asset, comprese le partecipazioni in Evergrande NEV, nel tentativo di ridurre il suo debito.

Il produttore di smartphone Xiaomi ha aumentato gli investimenti nei fornitori di veicoli elettrici dopo aver svelato il suo interesse per gli Ev con un investimento di 10 miliardi di dollari a marzo, sulla scia di Apple Inc. a Huawei Technologies Co che stanno puntando sul fatto che sempre più auto diventeranno 'intelligenti' e alimentate a batteria.

Il possibile accordo fornirebbe a Xiaomi gli impianti di produzione di veicoli elettrici per portare avanti la propria attività automobilistica, hanno affermato le fonti.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Roma Stefano Bernabei, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli