Chiti a Renzi: perché non discutere nostro ddl costituzionale?

Roma, 4 apr. (TMNews) - "Il presidente del Consiglio Renzi ieri sera ha detto che il Ddl costituzionale che abbiamo presentato in Senato e' 'interessantissimo'. Bene, lo ringrazio: il nostro intento e' proprio quello di dare un contributo costruttivo per migliorare le istituzioni. Ma Renzi ha anche aggiunto che la proposta non ha nessuna possibilita' di passare. Perche'?" Lo chiede il senatore del Pd Vannino Chiti.

"Perche' - incalza l'esponente democratico - dobbiamo rinunciare ad avere 421 parlamentari, anziché i 945 attuali, e cioe' ad una riduzione di 524 tra deputati e senatori? Perche' non assicurare all'Italia un Senato di garanzia eletto dai cittadini per le grandi questioni di democrazia e civilta'? Perche' non tentare, con determinazione e coraggio - come il presidente Renzi ci dice sempre - di lavorare tutti insieme per una riforma che renda le istituzioni piu' efficienti, piu' vicine ai cittadini e la politica piu' sobria, equiparando da subito le indennita' dei parlamentari a quella del sindaco di Roma?".