Chiuso Tavolo edilizia giudiziaria, Bonafede: nostra vera priorità -2-

Red/Sav

Roma, 8 ott. (askanews) - Alcune slide mostrate durante la sessione conclusiva, riferisce il Ministero, hanno evidenziato come, grazie allo spostamento di competenze, è stata raggiunta un'importante razionalizzazione delle spese: il numero degli immobili occupati da uffici giudiziari è passato dai 1277 del 2015 ai 926 attuali (618 di proprietà pubblica, 308 riconducibili a privati); le spese di funzionamento si sono ridotte di circa 40 milioni con percentuali di risparmio che negli ultimi tre anni sono state del 25, 22 e 17%. Tutto ciò senza pregiudicare la qualità dei servizi che è andata aumentando sensibilmente, come dimostra l'elevato numero di richieste evase.

In conclusione dei lavori il Tavolo ha presentato al Ministro una serie di proposte, a breve e lungo termine. Tra queste la creazione di direzioni "light" che si occupino prevalentemente di gestione immobiliare e spese di funzionamento; la prosecuzione del programma di assunzione di figure tecniche (architetti, ingegneri, geometri e periti tecnici) e la velocizzazione delle procedure riguardanti gli immobili in uso agli uffici giudiziari. Bonafede ha dichiarato che terrà le proposte ricevute nella massima attenzione.