Chiusura A26 Toti: voglio una task force e miliardi per Liguria

Chiusura A26 Toti: voglio una task force e miliardi per Liguria

Genova, 26 nov. (askanews) – “Voglio una task force, voglio un tavolo che si riunisca a Genova, voglio che i ministri vengano a Genova, voglio stanziamenti straordinari di miliardi per la Liguria e uno scudo legislativo che ci consenta di agire per tranquillizzare i cittadini ma soprattutto mettere in sicurezza l’asset più importante della logistica di questo Paese, cioè i 4 porti della Liguria. E lo voglio oggi pomeriggio”.

Non usa mezzi termini il governatore della Liguria Giovanni Toti prima di partecipare alla riunione straordinaria della giunta regionale dopo la decisione di Autostrade di chiudere l’A26. Toti accusa Aspi di non aver fatto nulla per controllare i viadotti. “Per un anno e quattro mesi nessuno ha fatto niente, penso che Autostrade in un anno e quattro mesi avrebbe dovuto lastricare d’oro quei viadotti, ne aveva tempo e possibilità, non aspettare di muoversi quando lo ha chiesto la procura, ma dobbiamo rassicurare i cittadini da una psicosi che si sta diffondendo”.

Ma se la prende anche con il ministero delle Infrastrutture che, accusa, invece di fare dichiarazioni via Twitter avrebbe potuto rispondere alle lettere inviate nell’ultimo mese. Siamo stufi, dice, di “dipendere da incapaci”. “Abbiamo bisogno di sapere in pochi minuti come intende agire il governo, altrimenti lo faremo noi, anche senza avere le competenze. Bisogna controllare tutti i viadotti, rassicurare i cittadini e garantire la mobilità alla prima piattaforma logistica del Paese e ai cittadini che oggi sono prigionieri, nessuno se la può cavare con un tweet e qualcuno deve rispondere di un anno e 4 mesi di chiacchiere a vanvera senza aver fatto assolutamente nulla. Questo vale per il Mit e vale per Aspi”.

“Abbiamo chilometri di strade distrutte dal maltempo, due autostrade su tre inagibili, km di code e persone che non raggiungono il lavoro, ogni minuto che passa Genova, la Liguria e l’economia italiana perdono milioni di euro per l’incoscienza di qualcuno”.