Christopher Lambert: "Trump? Un esempio. È l'unico politico che fa quel che ha promesso"

Giuseppe Fantasia

“La credibilità politica non è affatto in forma. Abbiamo degli uomini politici che l’hanno persa da tempo nei confronti dei loro elettori. Un grande politico è per me qualcuno che è stato eletto dal popolo e che è amato dal popolo: non si può andare contro questo”.

A Taormina - dove questa sera riceverà il Premio Cinematografico delle Nazioni per la sua carriera – davanti a un’immancabile granita, circondati da paparazzi e da curiosi - incontriamo Christopher Lambert, lui, il sex symbol degli anni Ottanta e Novanta che con i suoi occhi celesti e il suo fisico statuario ha fatto innamorare migliaia di donne (e non solo) in tutto il mondo. Oggi, a 62 anni, è super in forma e ha un fisico da far invidia a molti quarantenni. È felicemente sposato, ha una figlia di 25 anni che adora e continua a girare film (lo vedremo a settembre in La Source, nei panni di un gangster e a Natale nel nuovo film di Claude Lelouch).

“I politici – spiega all’HuffPost - sono spesso dei cattivi attori che non sanno interpretare la loro parte. Questo succede perché non mettono passione in ciò che fanno. Macron ce l’ha messa tutta, per questo ce l’ha fatta, ma questo però non vuol dire che sia un presidente modello. Trump è l’esempio. Ha parlato dicendo il vero e i risultati si vedono. Lui li ha ottenuti. Molti altri, invece, hanno solo pensato a come raggiungere il potere”.

Ci sta dicendo che ammira Trump?

“No, assolutamente. Non ammiro lui, ho un’ammirazione per chi mantiene le promesse. Bisogna smetterla di pensare che la politica sia il potere assoluto. La politica è un servizio del popolo e così deve essere”.

Si, ma pronunciando quelle frasi, è come se dicesse che le piace.

“Non lo si può certo amare, ma è importante riconoscere che è l’unico politico che in cinquant’anni fa quel dice. Da un punto di vista politico ha sicuramente più credibilità dei suoi predecessori. Poi è stato amato – e quindi votato – dal 50% della...

Continua a leggere su HuffPost