Ci sarebbero stati 4 morti e diverse auto incendiate ma Mosca ribalta le accuse contro Kiev

Una delle auto civili crivellate dai colpi
Una delle auto civili crivellate dai colpi

L’Ucraina accusa i soldati russi di aver sparato contro auto civili a Kharkiv: in quei blitz barbari ci sarebbero stati 4 morti e diverse auto incendiate ma Mosca ribalta le accuse contro Kiev e controbatte che sarebbero stati gli ucraini a sparare sui civili. La versione ucraina è supportata da foto che il ministero della giustizia di Kiev sta diffondendo sui social. L’accusa all’esercito russo è di aver sparato ieri su una colonna di 15 auto di civili.

L’Ucraina accusa i russi di aver sparato contro auto civili

I cittadini stavano scappando da una città occupata da Mosca nella regione di Kharkiv. In quel blit sarebbero morte almeno quattro persone. Pare che le auto avessero lasciato la città di Volchansk, nel distretto di Chuguevsky, per essere colpite nei pressi della città di Stary Saltov, a circa 30 km a sud. Dal canto suo la polizia ucraina afferma di aver trovato sei auto danneggiate e quattro corpi bruciati.

Ponti saltati in aria e colpi alle vetture

Ma ci sarebbe di più: lo stato maggiore di Kiev ha informato del fatto che nell’area di Tsyrkuny e Rusky Tyshky, a est di Kharkiv, “gli occupanti hanno fatto saltare in aria tre ponti stradali per rallentare le azioni di controffensiva delle forze di difesa”. Dopo l’episodio della 15enne che era sfuggita ferita ai colpi dei russi guidando per 30 km in mezzo ad una strada minata arrivano le contro accuse dei russi, che invece accusano gli ucraini di aver sparato a una colonna di civili nella stessa zona.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli