Ci sono due Cacciari: dell'inizio e della cosa ultima

·2 minuto per la lettura
Massimo Cacciari è un filosofo, accademico, scrittore e politico italiano, ex sindaco di Venezia. Mantova 4 settembre 2019. (Photo Leonardo Cendamo/Getty Images) (Photo: Leonardo Cendamo via Getty Images)
Massimo Cacciari è un filosofo, accademico, scrittore e politico italiano, ex sindaco di Venezia. Mantova 4 settembre 2019. (Photo Leonardo Cendamo/Getty Images) (Photo: Leonardo Cendamo via Getty Images)

Che Massimo Cacciari sia uno dei più importanti filosofi italiani, una delle nostre più brillanti intelligenze, non vi sono dubbi. Come non ho mai dubitato, neppure per un attimo, che potesse non vaccinarsi. Ieri, in fila per la terza dose, ha salutato le telecamere con il pollicione in evidenza e dichiarato: “Alle leggi si obbedisce. Socrate insegna. Chi può, vada a vaccinarsi”.

Be’, Socrate insegna anche tante altre cose, soprattutto ad ascoltare. Le ospitate televisive, che non si prestano al ragionamento filosofico, insegnano invece a parlare tanto, forse troppo. E, parlando troppo, si può anche finire fuori strada, in quella terra di nessuno dov’è possibile incontrare scontenti e rivoltosi e, talvolta, alimentarne la rabbia. La costante riflessione filosofico-politica di Cacciari, però, non poteva impedirgli di prendere posizione sulla continua emergenza del Paese, sui rinnovati provvedimenti che, in qualche modo, lo bloccavano, facendo del Covid l’unico tema su cui discutere e (non) vivere. Si è trovato anche in compagnia, lungo la strada, di chi ha avuto il torto imperdonabile di evocare Auschwitz, Hitler, stato d’eccezione, di ricorrere a metafore infelici, mentre i morti venivano seppelliti a migliaia, medici e infermieri tentavano di salvare vite e molti di loro perdevano la propria.

Ci sono due Cacciari, potrei dire, citando due dei suoi libri migliori, editi da Adelphi: “Dell’inizio” e “Della cosa ultima”. Il filosofo dell’inizio ha commesso diversi errori di comunicazione, pur avendo legittimamente segnalato alcune forzature, quella torsione volontaria di chi è stato chiamato, e continua a essere chiamato, a decisioni impopolari ma necessarie e inevitabili. Il filosofo della cosa ultima, al contrario, ha dato dimostrazione di intelligenza, facendo l’unica cosa che l’intelligenza detta: vaccinarsi e invitare a vaccinarsi.

Ovviamente, il popolo no-vax è rimasto deluso. Sui social si sono immediatamente catapultati i più facinorosi per accusare Cacciari di essere un venduto, un voltagabbana, un comico, il nuovo “Booster Keaton” e chi più ne ha, più ne metta. Niente di tutto questo. Clamoroso errore di interpretazione e di valutazione. Cacciari resta uno dei migliori filosofi italiani, una delle nostre intelligenze più brillanti. Anche i grandi possono prendere cantonate, possono finire fuori strada, ma sanno qual è la strada, l’unica strada percorribile anche se, in fondo, ne avrebbero preferita un’altra. Meno aspra, meno lunga.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli